.

.

Sarà una quarta edizione della “Guido Sieni Judo Cup” ricca di contenuti e di novità quella che si aprirà il 30 giugno al PalaSerradimigni per chiudersi il 1° luglio. E il primo fatto nuovo è proprio la durata della manifestazione che da una giornata, così è stato nelle edizioni precedenti, passa a due intensi giorni di combattimenti sui tre tatami che il Centro sportivo “Guido Sieni” si appresta ad allestire proprio in queste ore.



La manifestazione, che ritorna a Sassari grazie all’impegno di Stefano Urgeghe, quest’anno sale ancora di livello e indossa la veste internazionale. Ad affrontarsi sulle materassine, infatti, ci saranno, tra i trecento judoka previsti, anche gli atleti della Francia e della Moldavia. L’evento ha ricevuto il patrocinio del Comune di Sassari, della presidenza del Consiglio regionale e dell’assessorato regionale allo Sport, del Coni e della Fijlkam.
L’edizione 2018 della “Judo Cup”, sarà riservata alle giovani leve delle categorie Esordienti A e B, maschili e femminili, e Cadetti, maschili e femminili. Per gli atleti sardi in gara, poi, gli appuntamenti del 30 giugno e del 1° luglio saranno anche la terza e ultima fase del Gran prix regionale.
La “Guido Sieni Judo Cup” è stata presentata questa mattina al PalaSerradimigni dal presidente del Centro sportivo “Guido Sieni” Stefano Urgeghe e alla presenza dell’assessora alle Politiche educative e giovanili del Comune di Sassari Alba Canu, del presidente regionale Fijlkam Gavino Piredda, del rappresentante provinciale del Coni Lucio Masia e del consigliere regionale Roberto Desini.
A indossare per primi il judogi saranno gli Esordienti A (11 e 12 anni) e B (13-14 anni) che si affronteranno sabato 30 giugno, a partire dalle ore 14,30. Dalle 18 inizieranno le finali e, a seguire, le premiazioni.

La mattina di domenica 1° luglio, con inizio alle ore 9, sarà tutta per i Cadetti (15-17 anni). Alle 12 le finali e le premiazioni.
Sassari si conferma, così, capitale del judo e la nuova edizione, con carattere internazionale e più lunga, è segno di crescita. Un vero e proprio impegno per gli organizzatori che, così, vogliono tenere alta la memoria del trofeo internazionale “Guido Sieni” e del suo patron, Franco Sieni, scomparso il 6 giugno dello scorso anno.
A caratterizzare la manifestazione è il coinvolgimento delle giovani speranze della disciplina ideata dal maestro Jigoro Kano.
Quattro anni fa il Centro sportivo Guido Sieni aveva organizzato il campionato regionale assoluto che aveva portato sui tatami del PalaSerradimigni oltre 40 società isolane. La prima edizione della “Guido Sieni Judo Cup” nel 2015, invece, dedicata ai pre-agonisti e agonisti ha visto la partecipazione di circa 500 atleti, dai 4 ai 14 anni, sardi, liguri e romagnoli, che hanno dato vita a uno spettacolo di colori e sport. Quella del 2016, dedicata alle due categorie degli Esordienti, A e B, e ai Cadetti aveva visto esprimersi al meglio circa 200 judoka. L’edizione 2016 era “volata” in Sicilia, con le rappresentative organizzate dai maestri Corrado Bongiorno ed Elios Manzi fare manbassa di medaglie. Nel 2017, con l’edizione giocata da 250 atleti sui quattro tatami allestiti al Palasantoru, aveva visto incontri riservati alle categorie Esordienti B e Cadetti. La coppa era volata in Liguria che quest’anno sarà ospite d’onore.
L’evento di sabato e domenica al PalaSerradimigni diventa per gli atleti sardi un appuntamento imperdibile e di notevole importanza. Per i ragazzi delle scuole isolane di judo sarà un valido banco di prova, che li vedrà contrapposti non solo ad atleti d’oltre Tirreno, che agli ultimi campionati nazionali hanno conquistato medaglie d’oro, d’argento e di bronzo. I giovani judaka sardi se la vedranno anche con atleti di nazionalità francese e moldava, paesi che hanno tradizione nello judo.

In particolare la Francia la cui federazione nazionale è la più grande in Europa, con oltre 600 mila iscritti e una squadra nazionale tra le migliori al mondo.

Non è da meno la Moldavia che ha espresso atleti del calibro di Eugen Matveiciuc che nel 2017, a Santiago del Cile, nella categoria Cadetti ha conquistato il titolo di campione del mondo. Tra gli atleti moldavi spicca anche Dorin Gotonoaga che è stato nominato il miglior judoka del 2017.
Insomma, per i ragazzi della Sardegna un’opportunità da cogliere al volo.
Due gli eventi legati al “Guido Sieni Judo Cup”.
Il primo precederà la manifestazione internazionale e si svolgerà il 29 giugno alle 19,30, sempre al PalaSerradimigni. Si tratta del passaggio di cintura degli atleti del Centro sportivo Guido Sieni. Saranno coinvolti oltre 100 judoka, categorie bambini, pre-agonisti, agonisti e adulti.
Il secondo evento, invece, si aprirà il 2 luglio, questa volta a Valledoria, nella palestra messa a disposizione dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Paolo Spezziga, con l’assessorato allo Sport retto da Mario Serra. È la seconda edizione del “Guido Sieni Training Camp” con due sessioni speciali dal 2 al 6 luglio e dal 9 al 13 luglio.
Alla prima settimana di allenamenti parteciperà il maestro Domenico Paduano, cintura nera VI Dan, pluricampione italiano, oltre che bronzo ai mondiali e agli europei juniores. La seconda settimana di allenamenti vedrà la partecipazione del maestro Sandro Piccirillo, cintura nera VI Dan e allenatore della nazionale italiana giovanile di judo

 

Altre notizie relative

Judo, conclusa la Guido Sieni Cup 2018 La rappresentativa Lazio A si aggiudica la quarta edizione che ha visto la partecipazione di 44 squadre e una rappresentativa della Moldavia.
Judo, due ori e un bronzo per il “Guido Sieni” in Belgio All'internazionale Open Tori di Wavre sul podio Marco Battino, Mario Piu e Mattia Saiu.
Judo, debutto in Coppa Europa per Marco Battino Il 15enne judoka sassarese, rivelazione del Centro sportivo Guido Sieni, era reduce dalla quinta piazza conquistata all’Alpe Adria.

...e tu cosa ne pensi?

300