Michele Artedino, presidente della Nuorese

Michele Artedino, presidente della Nuorese

Nonostante la retrocessione maturata nell’ultimo campionato, è un Michele Artedino più combattivo che mai quello che si affaccia alla prossima stagione: “Non vorrei neppure soffermarmi sull’ultima annata – ha affermato il patron della Nuorese ai microfoni de La Nuova Sardegna – ma se dobbiamo aprire una parentesi, la Nuorese ha subito una retrocessione che va oltre i propri evidenti demeriti. Se ci fossimo salvati avrei considerato chiuso il mio ciclo, ma dopo questa retrocessione non potevo mollare. Lo devo alla città, ai tifosi e a me stesso”.

“Aspettavo che qualcuno si facesse avanti tra coloro che spesso millantano progetti faraonici – ha proseguito Artedino -. Ma, ad oggi, nessuno si è fatto avanti.  Non posso attendere troppo, ragion per cui ho messo in moto un progetto concreto, con obiettivi diversi dal passato. Voglio fare tesoro delle esperienze vissute e mi rimetto in gioco. Le possibilità economiche sono sempre meno e la retrocessione limita gli sponsor. Quest’anno non prometto niente. Ho messo in moto la macchina Nuorese ma resto a disposizione per eventuali ingressi, al mio fianco o senza di me. Voglio discutere di progetti con chi è disposto a metterci la faccia, senza nascondersi dietro fantomatiche cordate. E preciso che la Nuorese non costa un centesimo”.

Esistono possibilità di un ripescaggio? “I vertici della Lega mi hanno illustrato la situazione: abbiamo il 50% di possibilità di essere ripescati in Serie D e, se così sarà, mi leverò anche qualche sassolino dalle scarpe”



Altre notizie relative

Slalom di Nuoro, a Tilloca basta una manche Sul podio Enrico Piu e Franco Angioj
Eccellenza, Nuorese sola in vetta Guspini bloccato dal Tonara, vince il Muravera
Arbus al fotofinish, Monastir beffato Al Santa Sofia decide il gol di Atzeni

...e tu cosa ne pensi?

300