Alberto Cerri

Alberto Cerri

Alberto Cerri e il Cagliari, un matrimonio che s’ha da fare. I rossoblù hanno messo le mani sul ’96 della Juventus per farne un alfiere dell’attacco. Decisive le referenze e soprattutto l’ultima stagione perugina. Esploso definitivamente, Cerri è ora atteso dalla Serie A per confermare le luci di una carriera da predestinato e che in principio lo aveva visto pagare lo scotto del salto tra i “grandi”.



La società di Tommaso Giulini (mossosi in prima persona nella trattativa) è ai dettagli e farà sostenere le visite mediche a Cerri. Investimento di 10 milioni, divisi tra prestito oneroso e riscatto di fatto obbligatorio raggiungibile con estrema facilità in base a presenze e gol. Di fatto, un titolo definitivo, perché il Cagliari – come noto e più volte ribadito – non gradisce operazioni atte a far crescere i giovani di altri, big in particolare. Il bomber ex Parma non ha dubbi sul Cagliari e non vede l’ora di raggiungere la Sardegna, probabilmente Asseminello e non Aritzo (che verrà salutata lunedì dalla truppa di Maran), quindi tutti a Pejo dal 14 luglio. Ormai il traguardo è lì, pronto a celebrare il Cerri-bis.

Altre notizie relative

Conti: “Nazionale? Contava solo il Cagliari” L'ex capitano, oggi dirigente, con parole al miele per Barella
Castro: “Giulini, non ti pentirai di avermi preso” Le parole del centrocampista del Cagliari
Barella-Giulini-Cagliari, tra raziocinio e utopia Ambizioni del calciatore, idee del presidente, valore che cresce esponenzialmente: cosa succederà?

...e tu cosa ne pensi?

300