Rolando Maran nel ritiro di Pejo

Rolando Maran nel ritiro di Pejo

È il mister Rolando Maran a presentarsi ai microfoni dei cronisti presenti dopo il test con la Virtus Bolzano sul campo di Celledizzo. L’allenatore trentino ha esordito parlando delle condizioni di Fabio Pisacane: “Non abbiamo voluto rischiare ed è rimasto  a riposo precauzionale: ha avuto un leggero affaticamento muscolare, ma domani sarà di nuovo in gruppo”.

CLICCA QUI – Rivivi la gara contro la Virtus Bolzano

“Siamo riusciti a portare in campo il lavoro fatto in questi giorni- prosegue l’allenatore rossoblù- avevo chiesto di tenere le distanze giuste tra i reparti, di non sbilanciarsi. Loro si sono chiusi bene, quindi è stato un test probante, i ragazzi non si sono mai disuniti nel cercare il varco”.



Il Cagliari ha giocato molto a destra con Farago’ più che con Lykogiannis. “A volte le caratteristiche degli avversari ti condizionano, loro ci hanno dato più spazio nella nostra destra, ma non era una scelta specifica”.

Lucas Castro sembra più a suo agio di molti compagni. “Lui ha qualche nozione in più, tutti stanno cercando di fare le cose con la precisione giusta e la dedizione opportuna. Questo è il primo passo per fare le cose bene”.

Pavoletti-Farias trovano sempre più intesa. “Sto facendo girare tutte le punte, non avevo ancora provato granché loro due, è chiaro che Leo e Diego hanno affiatamento datato, ma adesso conta mettere le basi per una stagione che passerà anche dal lavoro fatto qui”.

Il fraseggio corto a due tocchi sembra incepparsi negli ultimi trenta metri. “La profondità oggi non c’era, loro si difendevano al limite dell’area. Ci abbiamo provato, tirando molto, dobbiamo crescere insieme”.



Castro e Joao Pedro li vede bene anche insieme? Nel primo tempo troppa poca qualità… “Vedremo quando arriva Joao, penso che per caratteristiche possano coesistere e darci uno spunto in più. Non sono preoccupato dal mercato, sappiamo come funziona, pensiamo a lavorare bene qui con coloro che abbiamo”.

Lei è abituato ad avere registi diversi da Cigarini e Colombatto: come si andrà avanti? “Ho avuto calciatori anche con più qualità rispetto a registi solo fisici e muscolari. Quello che conta è mettere insieme un mosaico che possa essere efficace”.

Come lo vede Han? “Molto bene, sta lavorando al meglio e ha grande fame. Ma tutti stanno lavorando benissimo, anche chi viene dato in uscita per me è un giocatore del Cagliari e lo ho a disposizione. Nessuno salta una seduta salvo rare eccezioni. Peccato per il nostro campo di allenamento qui, non è ottimale ma andiamo avanti comunque. Vorrà dire che diventeremo più bravi allenando la tecnica”.

dagli inviati Fabio Frongia e Francesco Aresu 



Altre notizie relative

Castro: “Giulini, non ti pentirai di avermi preso” Le parole del centrocampista del Cagliari
Super Barella, orgasmo Italia! Grande prova del cagliaritano in Polonia-Italia a Chorzow
Brio: “Su Barella ha ragione Mancini” La bandiera juventina, vice del Trap a Cagliari, ha presentato il suo libro a Sassari

...e tu cosa ne pensi?

300