Mario Passetti (foto: Zuddas)

Mario Passetti (foto: Zuddas)

Interpellato dai microfoni di Videolina, il direttore generale del Cagliari, Mario Passetti, ha ribadito come Nicolò Barella sia ben lontano da un addio ai colori rossoblù: “Come affermato dal presidente Giulini, il giocatore interessa tanto. È inutile prenderci in giro: spesso è il mercato a dettare le condizioni, ma noi siamo nella felice situazione di aver potuto rifiutare tre offerte perché ci teniamo che rimanga. Non è facile rifiutare questo tipo di offerte, ma è stato fatto. Poi vedremo come andrà avanti. In linea di massima è chiaro che i giocatori che partono vadano sostituiti, permettendo alla squadra di rimanere competitiva. L’obiettivo di tutti è quello di costruire un Cagliari sempre più forte, questa è la cosa principale, ma operiamo di un contesto come il mercato che bisogna saper gestire”.

Il presidente Giulini ha attribuito allo stesso Passetti il merito dell’organizzazione dell’amichevole contro l’Atletico Madrid ad una settimana esatta dalla finale di Supercoppa Europea: ” Come per la realizzazione della Sardegna Arena, è merito del lavoro di squadra. Aggiungo che il fatto che l’Atletico abbia accettato il nostro invito significa che il Cagliari ha un suo valore. L’Atletico Madrid viene alla Sardegna Arena per giocare e riparte con Barella? Non succederà. Ho iniziato a trattare per quest’amichevole nel weekend in cui giocammo contro la Fiorentina, quindi non si è parlato di Barella”.



Considerando l’ottimo lavoro sul fronte marketing, quanto incide in percentuale sul bilancio totale e quanto incide nelle strategie nel breve, medio e lungo termine? “In generale i ricavi di natura commerciale crescono – ha proseguito Passetti ai microfoni di Alberto Masu -. In Italia i ricavi di natura televisiva rappresentano la quasi totalità dei ricavi di un club. All’interno dei mondo dei ricavi commerciali nel Cagliari la quota parte delle TV non supera il 60-65%, il 30-35% deriva da tutte le altre attività. Questo è positivo perché costruire sempre più iniziative fa sentire i tifosi vicini includendo sempre più tipi diversi di tifosi, in quanto i tifosi non sono tutti uguali. Dobbiamo migliorare ma siamo sulla buona strada”.

Altre notizie relative

Maran: “Cagliari azzurro? Meriti in primis a Giulini” Il tecnico vota Allegri per la Panchina d'Oro: Giusto premiare chi vince
Spal-Cagliari, l’analisi tattica fotografica FOTO - Schemi, errori, virtù del Cagliari visto a Ferrara nella nostra analisi
Giulini stavolta ha fatto le cose per bene IL COMMENTO | Il Cagliari si riposa, pensa al Torino e culla le sue certezze

...e tu cosa ne pensi?

300