Michele Filippi

Michele Filippi

Così Michele Filippi dopo Olbia-Arzachena 1-1 (clicca qui per pagelle, cronaca, tabellino e interviste!) di Coppa Italia. Tra una settimana il ritorno al “Biagio Pirina” di Arzachena.

“Tenere fuori Ceter e Martiniello è stata una scelta tecnica – dice in conferenza stampa l’allenatore cagliaritano -. I nuovi lavorano bene e vogliono acquisire conoscenze, anche grazie a chi lavorava già qui. Penso e sono convinto che tutti insieme raggiungeremo grandi risultati, normale che chi è qui da più tempo ha qualche conoscenza in più. Sarà un campionato lungo e la storia dell’Olbia dimostra che la competitività aumenterà la crescita – afferma in merito alla concorrenza là davanti – Quando è entrato Ceter, Senesi ha dimostrato di sapersi adattare nel ruolo di trequartista: ha la capacità di strappare e dare profondità con la sua velocità, in quella fase poteva essere utile metterlo lì perché dovevamo recuperare, volevo più giocatori pericolosi davanti”.

In difesa ha esordito Cusumano.Penso che i compagni lo abbiano supportato bene, deve migliorare molto ma è stato ordinato, auspico che abbia più continuità di rendimento. Domani recupereremo e poi da martedì lavoreremo tutti per la gara di ritorno. Ormai ci siamo, la stagione è alle porte e bisogna farsi trovare pronti. Credo che si sia visto già oggi il furore agonistico che servirà durante l’anno”.

“Sono contento dell’Olbia che ho visto oggi in campo. La squadra continua a crescere e soprattutto è consapevole che i risultati arrivano sempre grazie alla prestazione. Questa sera abbiamo fatto la partita dall’inizio alla fine e siamo riusciti a restare ordinati e propositivi anche dopo lo svantaggio. Un segnale importante, perché abbiamo continuato a giocare come sappiamo, malgrado l’avversario pensasse a difendersi con tenacia spezzando spesso il gioco. Aver trovato il gol sul finale ci premia perché le partite finiscono con il triplice fischio e noi abbiamo dimostrato di crederci sino in fondo. Sappiamo bene che questa è una categoria complicata e non sempre è semplice imporsi sul piano del gioco, ma noi lavoriamo per riuscirci. Il risultato di oggi è positivo e io voglio esaltare lo spirito di questo gruppo che sin dal primo giorno di ritiro ha dimostrato di essere sul pezzo. Il gol subito? Tutto è nato da un calcio piazzato che ci ha colti impreparati. Abbiamo commesso un’ingenuità che, sono sicuro, non commetteremo più in futuro”.

Così Damir Ceter, autore dell’1-1. “È stata una partita molto difficile, ma la squadra ha risposto bene sul campo e io sono molto contento per il gol segnato, spero solo il primo di una lunga serie. So che il calcio italiano è combattuto in tutte le sue categorie e mi aspetto per questo un campionato molto duro. Io devo pensare a migliorare come calciatore per il bene dell’Olbia. L’intesa con Ragatzu? Con lui mi trovo molto bene, averlo vicino rende tutto più semplice”.

dall’inviata Roberta Marongiu



Altre notizie relative

Marino: “Tutti sotto esame” Il presidente dell'Olbia in un momento complicato dei bianchi
Giulini: “Barella via subito? No! Fiducia sullo stadio” Il patron rossoblù a 360° sull'universo Cagliari
Castro: “Siamo più forti di quanto dice la classifica” L'argentino parla per la prima volta dopo il grave infortunio che lo ha colpito

...e tu cosa ne pensi?

300