Emanuele Fini (foto: Zuddas)

Emanuele Fini (foto: Zuddas)

Il Cagliari Primavera prosegue la propria marcia di preparazione in quel di Arbus, vincendo 5-2 contro i granata padroni di casa, neopromossi in Eccellenza e anch’essi all’alba della propria stagione. Dopo le sconfitte contro Olbia e Castiadas, per i rossoblù di Max Canzi un’altra tappa importante verso l’avvio del campionato Primavera 1, anche se il caos che avvolge il calcio italiano dalla Serie B in giù mette in bilico calendari e date.

LA TATTICA – Canzi schiera i suoi con un 4-3-1-2 con Fini a sostegno di Cannas e Melis, alle prime armi in categoria. Segno di come il tecnico milanese voglia far evolvere il figlio d’arte, portandolo più dentro il campo rispetto all’iniziale posizione di esterno offensivo. Arbus con il classico 4-4-2, già visto nella scorsa stagione.

LA PARTITA – Il primo squillo della gara è dei padroni di casa, con Atzori, che impegna dai 25 metri Cabras, bravo a respingere. Al primo vero affondo passano i rossoblù: è il 16′ quando Ladinetti si accentra e dal limite, col destro, imbuca all’angolo dove Toro non può arrivare. Al 19′ contatto in area tra Atzeni e Porru che induce l’arbitro a fischiare il penalty. Dal dischetto il difensore-goleador arburese Guglielmo Falciani firma l’1-1. La Primavera risponde subito sfruttando un errore della retroguardia granata: Cannas si trova solo davanti a Toro e non sbaglia, per il 2-1. Il tris è sfiorato da Fini, Pici (colpo di testa a lato), Melis (clamoroso liscio a porta vuota). Arbus pericoloso con Floris, che grazia Daga poco prima del 3-1 firmato da Cannas. Come da caratteristiche naturali, il bomberino di Bitti non perdona Toro dopo essere scattato sul fio del fuorigioco. Primo tempo vivissimo perché, prima Falciani calcia fuori di poco una punizione da lontano poi sbaglia (tira alto) un rigore procurato da Congiu.



Dopo l’intervallo, Canzi ripresenta il Cagliari con i neofiti Ongenda e Ioannou (entrambi classe 2000), al posto di Cannas e Melis. Subito attivo Konatè, che dribbla Pici e manda di poco a lato col destro. Falciani è sempre pericoloso da fermo, sia quando calcia sia quando incorna (angolo di Malandra). Poi proprio Konatè anticipa un difensore e manda in porta una palla sporca che rimbalza in maniera beffarda punendo Ciocci. Al 70′ è Ingrosso a penetrare sulla sinistra servendo al centro Ongenda per il più facile dei tap-in che vale il 4-2 rossoblù. Al 74′ Lella, fresco di arrivo dal Bari, prende spazio e calcia di pochissimo fuori. All’80’ l’epilogo con Marigosu (altro attaccante 2001 in arrivo dall’Under 17, partner storico di Cannas) che fredda dalla distanza Cordeddu e chiude la serata sul 5-2 cagliaritano.

Arbus: Toro (62′ Cordeddu), Recano, Falciani, B. Floris (46′ Lilliu) Spina (62′ Avaro) Atzori (62′ Scalas), Paulis (46′ L.Floris) Congiu, Malandra, Nunez (46′ Konaté) Atzeni. A disposizione: Cordeddu, Lilliu, L.Floris, Scalas, Avaro, Hernandez, Idili, Konaté.

Cagliari Primavera: Cabras, Porru, Nader Aly, Pici, Camara, De Min, Dore, Ladinetti, Cannas (46′ Ongenda) Fini, Melis (46′ Ioannou). In panchina Guerra, Cisse, Continu. Al 61′ entrano nel Cagliari Ciocci, Kouadio, Carboni, Boccia, Ingrosso, Lombardi, Lella, Marongiu,  Marigosu.

dall’inviato Matteo Porcu



Altre notizie relative

“Stadio, ritardo? Dipende da coperture” Così il presidente del Cagliari Giulini sul nuovo stadio
“Cagliari sardo? Difficile, guardate Murru” Così il presidente rossoblu sulle prospettive di un Cagliari sardo
Giulini: “FIGC? Potevamo convincere Moratti” Il presidente del Cagliari sui problemi del calcio italiano

...e tu cosa ne pensi?

300