Leonardo Pavoletti

Leonardo Pavoletti

Nel postpartita di Cagliari-Palermo, match vinto per 2-1 dai rossoblù e che vale l’accesso al quarto turno di Coppa Italia, si presenta nella sala stampa della Sardegna Arena il match-winner dell’incontro, Leonardo Pavoletti. Il livornese è stato autore di una doppietta decisiva ai fini dell’incontro. Queste le sue prime parole: “La doppietta di piede fa scalpore ma nella mia carriera non ho fatto solo gol di testa. Ormai è diventata quasi una barzelletta! Sono molto contento per questa vittoria. Abbiamo fatto un buon gioco, poi il caldo l’ha fatto da padrona e il Palermo ha approfittato della nostra stanchezza. L’importante era vincere, dà morale”. Sul gioco del Cagliari: “Il mister mi aveva detto che il suo Chievo era una delle squadre che crossava di più. Sono tranquillo, i traversoni arriveranno. L’importante è fare gol. Più palloni ci sono, più è facile fare gol”.

CLICCA QUI – Calciomercato, cronaca, tabellino interviste di Cagliari-Palermo e tanto altro! 



Sul maggior coinvolgimenti richiesto da Maran all’attaccante livornese: “Sì, il mister è molto bravo e dal primo giorno ha voluto imprimerci le sue idee. E’ importante, in campo a volte devi fare giocate a memoria e stiamo lavorando molto tatticamente per riuscirci. In allenamento ci sono soluzioni molto buone, col tempo guadagneremo in velocità ed efficacia”. Sulla compattezza fra i reparti: “Mi aiuta tanto. Barella e Ionita poi, giocando fra le linee, stanno facendo molto bene. Mi sento sempre più supportato. A volte l’anno scorso, anche per bravura avversaria, mi trovavo molto isolato. Ora siamo quasi tre punte e stoppando il pallone c’è sempre una soluzione vicina. Mi sento più sicuro“.

Sulla possibile convivenza con Cerri: “Ci saranno delle partite dove avremo bisogno di più fisicità. Abbiamo un parco attaccanti vasto con caratteristiche simili ma anche differenti. Il mister dovrà essere bravo a sfruttarle al meglio. L’intesa con Farias? Con lui mi trovo veramente bene. Secondo me col finale di stagione fatto l’anno scorso ha dato dei segnali da giocatore fortissimo. Ora dobbiamo trovare la condizione giusta, sia lui come tanti altri. Più giochi e t’alleni, più migliori”.

Sull’inserimento di Bradaric: “Mi sembra molto introverso. Avendo due croati che gli fanno da chioccia (Pajac e Srna n.d.r.) si sta legando più a loro che a noi, ma piano piano lo tireremo nel mezzo. In questo spogliatoio non manca di certo la battuta!”. 

CLICCA QUI per le parole di Rolando Maran

Han penalizzato dalle gerarchie? “A questo punto magari si può pensare sia la quinta punta, ma dall’anno scorso dobbiamo prendere le cose sbagliate per migliorarle. Quando abbiamo perso due giocatori importanti ci siamo trovati in mezzo a una strada. Magari qualcuno giocherà un po’ meno ma se siamo tutti motivati ci sarà bisogno di chiunque. Mister Maran mi sembra sincero e chiaro, ha detto che farà giocare tutti. Ora si parte con quelli che stanno meglio ma il campionato è lungo e le caratteristiche di Han faranno comodo. Io non lo manderei via. E’ un talento giovane. Magari giocherà meno, ma quando entrerà lo farà a mille all’ora”.

L’Empoli, che bagnerà il debutto in campionato dei rossoblù, ha rimediato una sconfitta per 3-0 in casa contro il Cittadella: “Prima parlavamo di questo, ma il calcio d’agosto è particolare. Affrontare una squadra in Coppa Italia è diverso dall’esordio in Serie A. Sarà diverso, ci daranno battaglia. Speriamo poi facciano la partita di stasera”.

Dove può arrivare questo Cagliari? Pavoletti risponde così: “L’anno scorso abbiamo fantasticato pensando di poter fare un campionato diverso, eravamo vicini al decimo posto. Sappiamo quanto è stata dura la salvezza dell’anno scorso e l’obiettivo è di raggiungerla il prima possibile. Una volta centrato, cercheremo di fare qualcosa di più. L’anno scorso abbiamo perso notti e capelli a dannarci, un mese in ritiro è stato duro. Dovremo essere uniti per poi divertirci tutti insieme”.

dall’inviato Mattia Marzeddu

Altre notizie relative

Giulini: “Barella? Potrebbe voler la Champions…” Il presidente rossoblù: Segue Srna e Chiellini come esempi
Romagna: “A Firenze sarà dura” Il difensore si racconta: Mi piace Bonucci
Barella: “Il mercato non lo faccio io” Le parole del centrocampista del Cagliari a Sky

...e tu cosa ne pensi?

300