Rolando Maran (foto: Locci/Agenzia Fotocronache)

Rolando Maran (foto: Locci/Agenzia Fotocronache)

“Un’opportunità di crescita”. Così Rolando Maran a La Nuova Sardegna, a due giorni dall’inizio della Serie A con la trasferta di Empoli. Intanto il suo Cagliari è partito bene, battendo (soffrendo) il Palermo nel terzo turno di Coppa Italia e disputando un pre-campionato probante e indicativo.

Calciomercato in divenire, a poche ore dal “gong”, ma Maran guarda al campo. “L’impatto è stato ottimo – dice – Il calore dei nostri tifosi sarà fondamentale, qui c’è un attaccamento speciale e dobbiamo dimostrare di avere la maglia del Cagliari cucita addosso”.

Maran rivendica la sua passione per il lavoro e la pignoleria, caratteristica questa ammirata sin dal primo giorno di allenamenti ad Aritzo. “Dopo un obiettivo, una volta raggiunto, me ne pongo subito un altro – spiega con orgoglio – Bisogna essere equilibrati, a volte uso fermezza e altre elasticità, mi piace confrontarmi con i giocatori sempre rispettando i ruoli”.



Carli parlò di “ricerca di un tecnico che faccia emozionare i tifosi”, Giulini ha confessato di cercare Maran da due anni. “Mi fanno tanto piacere queste considerazioni, ringrazio il presidente per la fiducia, la responsabilità crescente mi stimola. Con il direttore c’è totale sintonia, siamo due persone schiette, è una fortuna potermi confrontare con lui”.

Occhio alle bandiere (“Vedere in società gente come Cossu, Conti, Agostini credo aumenti il senso di appartenenza di tutti”), alla competitività della Serie A (“Sarà un campionato crescente, Ronaldo uno stimolo per tutti, il trend è cambiato e lo spettacolo ne guadagnerà)”, ma anche agli obiettivi: “La salvezza è il traguardo primario, ma non deve essere un limite, occorre avere la consapevolezza di poter fare di più. Faremo di tutto perché i tifosi siano orgogliosi di noi”.

Ceduti in prestito Han e Colombatto, Maran conserva due giovani come Barella e Romagna. “Tutti devono investire su sé stessi e mettersi a disposizione, con professionalità ed entusiasmo”.



Altre notizie relative

Pajac prova a convincere Maran La parabola del laterale (ex trequartista) croato come si evolverà?
Ancelotti: “Barella? È da Napoli” Il mister del Napoli commenta così sul centrocampista rossoblù
“Stadio, ritardo? Dipende da coperture” Così il presidente del Cagliari Giulini sul nuovo stadio

...e tu cosa ne pensi?

300