Fabio Aru posa con due piccoli fans alla partenza

Fabio Aru posa con due piccoli fans alla partenza

Partirà con la cronoprologo di Malaga la 73ª edizione della Vuelta a España. Ventuno tappe con ben nove arrivi in salita, tra cui spiccano quelli molto duri di Sierra de la Alfaguera, La Covatilla, La Camperona, Lagos de Covadonga e i tre sui Pirenei dell’ultima settimana, che potrebbero riportare in alto Fabio Aru.

“Non faccio proclami, ma nemmeno mi nascondo – ha dichiarato a La Repubblica -. Sarà una corsa da vivere giorno per giorno, le risposte dovrò trovarle sulla strada. Ho lavorato circondato dai miei affetti e mi sono reso conto che la tranquillità è fondamentale prima di ogni cosa. Nelle corse a tappe di 21 giorni deve andare tutto senza intoppi e i dettagli fanno la differenza, basta una giornata no per uscire di classifica”.



Il sardo parla poi dei tifosi, o presunti tali, argomento sempre più caldo dopo il fattaccio accaduto a Nibali al Tour de France: “C’era un brutto clima, lo si vedeva anche dalla TV. Si sono viste cose incredibili e mi dispiace molto per Vincenzo. Bisogna distinguere tra tifosi e facinorosi, i primi ci aiutano tantissimo mentre degli altri possiamo farne a meno, vengono solo per apparire. Il nostro lavoro si svolge sul filo e chiediamo rispetto, ma rispettiamoci anche in gruppo: a volte siamo troppo nervosi”.

Fabio Aru avrà una squadra molto forte a sua disposizione per il grande giro spagnolo, a cominciare dall’irlandese Daniel Martin, reduce da un buon Tour de France con la vittoria di tappa sul Mur de Bretagne (“un vantaggio enorme averlo con noi“). Completano il roster gli scalatori italiani Valerio Conti, Simone Petilli ed Edward Ravasi, il velocista Simone Consonni e i passisti norvegesi Laengen e Bystrom. Tra i principali avversari, oltre a Vincenzo Nibali, ci saranno i gemelli Yates, i colombiani Lopez e Uran, gli olandesi Kelderman e Mollema e l’australiano Porte.

 

Altre notizie relative

Guangxi, prima tappa tranquilla per Fabio Aru Il villacidrese termina in gruppo al debutto nella corsa cinese
Fabio Aru rinuncia al Mondiale! Il villacidrese era tra i convocati di Cassani
Ultima a Viviani, Aru in gruppo La Vuelta è stata vinta da Yates

...e tu cosa ne pensi?

300