Jelena Marenic

Jelena Marenic

Primo accordo stagionale per l’FC Sassari Torres Femminile: la società ha concluso un’importante operazione in entrata con l’arrivo di Jelena Marenic, attaccante classe ’91 proveniente dallo ŽFK Spartak. Nazionalità serba, vanta già una carriera di primo livello con allegate presenze in nazionale maggiore e in Women’s Champions League. Il suo curriculum è ricchissimo e molto interessante, il primo, gran colpo della campagna acquisti sassarese per ben figurare in questa stagione.

Ciao Jelena, benvenuta alla FC Sassari Torres Femminile. A che età hai iniziato a giocare e che cosa ti ha portato a nutrire questa passione per il calcio?
Il mio percorso calcistico è iniziato a 15 anni, mi scoprì mio fratello durante le classiche partitelle che disputavamo tra di noi. Mi insegnò le basi e mi consigliò di andare a giocare perché il mio talento naturale mi permetteva di poter dire la mia nel calcio femminile. 



Siamo rimasti impressionati dal tuo curriculum che parla da sé: puoi raccontarci le varie tappe della tua carriera?
Ho iniziato la mia carriera nel Zfk Novi Becej, in seconda divisione. Rimasi due anni dove mi misi in luce segnando molti gol e divenni il capocannoniere della squadra. Quelle due stagioni mi aprirono le porte alla chiamata della rappresentativa regionale: giocai una partita amichevole e segnai una tripletta. Fu un biglietto da visita accattivante per gli osservatori perché dopo quella partita ricevetti la chiamata dal club più importante della Serbia, ossia lo Zfk Masinac. Rimasi una stagione dove vinsi il campionato e la coppa nazionale. In finale siglai il gol più veloce della mia carriera e probabilmente anche dell’intera competizione: segnai dopo appena 18 secondi di gioco. Al termine della stagione ricevetti un’offerta davvero importante dalla seconda in classifica, ossia lo Zfk Spartake decisi di accettare per una questione economica ma anche familiare, visto che potevo riavvicinarmi ai miei parenti e ai miei amici. 

Sappiamo che fai parte della nazionale serba e che hai disputato diverse partite in Champions League.
Per lo Zfk Spartak ho giocato tante gare di Champions League in questi ultimi anni. Da quando ho accettato la loro offerta, risalente al 2010, abbiamo vinto tutto ciò che poteva essere vinto: per 9 anni di fila abbiamo vinto il titolo e 8 coppe nazionali. Abbiamo vinto anche diversi tornei internazionali, tra cui uno a Roma, il Roma caput mundi. Con la nazionale, invece, proprio recentemente abbiamo vinto la Balaton Cup

Quanti gol hai segnato nella tua carriera?
Onestamente non saprei, non ho mai tenuto il conto. Se dovessi azzardare una cifra, direi che sicuramente sono stati più di 100.

Qual è il tuo ruolo e il numero di maglia?
Sono un attaccante ma posso giocare anche come esterno d’attacco sia a destra sia a sinistra. Per quanto riguarda il numero di maglia sono legata al numero 18. 

Tra le giocatrici più forti viste e incontrate, con chi avresti voluto giocare?
Ho avuto l’opportunità di giocare con Marcela Nascimento Leandro, un vero fenomeno! Sarebbe un vero piacere giocare di nuovo con lei.

L’idolo di gioventù.
Senza dubbio Gabriel Omar Batistuta.

Perché hai scelto l’FC Sassari Torres Femminile?
Ho sempre desiderato fare un’esperienza in Italia, mi piace molto il paese e la passione che nutrono gli italiani per il calcio. 

I momenti memorabili della tua carriera.
Sicuramente una partita di Champions League quando misi a segno 4 reti. Ricordo anche il match finale del torneo di Roma: entrai all’85’, siglai la rete del pari e andammo ai rigori. Vincemmo 5-3.  Giocare la Women’s Champions League, è un’esperienza che ti permette di crescere esponenzialmente a livello calcistico. 

La partita o le partite che ricordi con maggior piacere.
Sicuramente contro il Wolfsburg in Champions League. Vincemmo a Subotica nella partita di ritorno, in Germania all’andata pareggiammo per 0-0. Loro sono state tra le favorite per la vittoria del titolo. 

Quali sono i tuoi obiettivi personali e le ambizioni o sogni per il futuro??
Sono molto ambiziosa, spero di fare una carriera importante a livello internazionale e vorrei diventare una giocatrice che in futuro possa lasciare il segno nel calcio femminile europeo fare bene sia con la mia nazionale che, perchè no, ritornando a calcare i campi della Champions League. Sono sicura che nella mia carriera riuscirò a fare qualcosa di importante. 

Ufficio Stampa

Altre notizie relative

Calcio Donne, primo punto per Oristano Sconfitta per il Caprera con Pinerolo
Torres, Mayla Cocco si racconta Le parole della centrocampista rossoblù
Calcio Donne: pari Caprera, brusco stop Torres Rinviata la gara dell'Atletico Oristano

...e tu cosa ne pensi?

300