Nicola Murru in azione con la maglia doriana

Nicola Murru in azione con la maglia doriana

Nicola Murru ha grande fiducia per la stagione che sta per iniziare. Il sardo, dopo un’annata d’esordio in blucerchiato tra alti e bassi, confida nell’adattamento al credo di Marco Giampaolo e punta in alto. Un anno fa l’addio al Cagliari nella trattativa che portò Cigarini in Sardegna. “Penso che quest’anno potrebbe vedersi il vero Murru. L’anno scorso, sono arrivato infortunato e ho saltato la preparazione, mi ritrovavo per la prima volta lontano da casa e in un sistema difensivo che non conoscevo”, dice in un’intervista al Secolo XIX. “Non sono scuse, ma non è stato facile. Ora penso di essere maturato, sono carico a mille. Capire i movimenti della linea di Giampaolo è difficile. Se non sei abituato a certi meccanismi, che tra l’altro si affinano soprattutto a luglio, è difficile”.

Murru avrà di fronte il più giovane (classe ’96) Junior Tavares, brasiliano ex San Paolo. “Per lui non è facile. Arriva da lontano, da un calcio diverso, altra lingua. Imparare subito i meccanismi che noi proviamo da un anno sarebbe impossibile. Si applica, è molto tecnico e si vede: dobbiamo dargli tempo e dimostrerà il suo valore. Io titolare? Il ruolo è di chi lo merita ogni settimana. Quello che mi sento è di aver lavorato duro per arrivare al punto in cui sono oggi”. Sulla tifoseria: “Non credo sia una notizia dire che il clima di Marassi è elettrizzante per noi che giochiamo e quindi ti fa andare oltre i tuoi mezzi. Devo dire che i tifosi della Samp mi hanno sempre colpito perché ci seguono ovunque, non ho mai visto una trasferta senza di loro”.



Altre notizie relative

De Laurentiis: “Cagliari, bella squadra” Il presidente del Napoli verso la sfida in Sardegna (sabato alle 18)
Cagliari, stangata dal Giudice Sportivo! Le decisioni del Giudice Sportivo dopo Cagliari-Roma
Barella: “Zola un mito, Conti un esempio” Il centrocampista del Cagliari si racconta

...e tu cosa ne pensi?

300