Fabio Aru

Fabio Aru

Entusiasmante settima tappa della Vuelta a España con i 185 km della Puerto Lombreras-Pozo de Alcon caratterizzati da un finale scoppiettante. A tagliare per primo il traguardo andaluso è stato Tony Gallopin (Ag2R) grazie a un’azione da finisseur nei 2 km che ha sorpreso il gruppetto alle sue spalle. Ottima prova di Fabio Aru che è arrivato 15° assoluto nel plotoncino dei migliori, stazionando sempre nelle parti nobili della corsa nelle ultime decisive fasi della corsa. Da segnalare la caduta dell’ex maglia rossa Kwiatkowski che ha pagato nel finale 25″ ai big.



LA CRONACA: Azione iniziale composta da sette corridori: Alexis Gougeard (AG2R-La Mondiale), Michael Woods (Education First-Drapac), Floris De Tier (LottoNL-Jumbo), Nicola Conci (Trek-Segafredo), Edward Ravasi (UAE Team Emirates), Alex Aranburu (Caja Rural-Seguros RGA) e Oscar Rodriguez (Euskadi-Murias) sono stati inseguiti dal gruppo tirato soprattutto dalla Movistar. I fuggitivi sono stati ripresi sull’Alto de Ceal che non ha fatto grosse differenze nel plotone principale, tanto che alcuni dei velocisti sono rimasti nella prima parte del gruppo. La bagarre si scatena dopo lo scollinamento del GPM di 3^ categoria finale: la discesa è fatale all’ex maglia rossa Kwiatkowski, che cade ed è costretto a un inseguimento che lo porterà a limitare a 25″ di svantaggio dai migliori. Nel finale si susseguono scatti e controscatti anche tra gli uomini di classifica, col villacidrese che ha controllato i principali avversari. Herrada va via a 5 km dalla fine, ma è il contrattacco di Gallopin a essere decisivo per l’assegnazione della vittoria di tappa. Alle sue spalle si sono piazzati il campione del mondo Peter Sagan e Alejandro Valverde che ha guadagnato 4 preziosi secondi di abbuono che lo portano al secondo posto della classifica generale dietro allo stoico francese Rudy Molard, che si è confermato in maglia rossa. Il sardo della UAE Team Emirates ha conservato la sua tredicesima posizione a 1’28”. Sabato 1 settembre la Linares-Almaden di 195 km, tappa dall’esito incerto che potrebbe favorire azioni da lontano ma anche un arrivo per uomini veloci che terranno le ruote dei migliori nell’impegnativo finale

Altre notizie relative

Parte il 2019 di Fabio Aru Il sardo in Spagna per il primo training camp stagionale
📷 Juve-Inter, anche Aru allo Stadium Il ciclista di Villacidro allo Stadium per il derby d'Italia (FOTO)
Fernandez (DS UAE): “Piena fiducia in Aru” Così uno dei direttori sportivi della UAE sul sardo

...e tu cosa ne pensi?

300