Gian Piero Gasperini

Gian Piero Gasperini (agf)

L’eliminazione dai preliminari di Europa League è alle spalle: il pensiero è già proiettato al Cagliari e al campionato che sarà. Nessuna ombra in casa Atalanta nonostante la serata di Copenaghen, e a dimostrazione di ciò ecco l’accordo tra la società neroazzurra e il tecnico Gian Piero Gasperini per il prolungamento del contratto. Il progetto Atalanta è più vivo che mai.

Una serenità che traspare anche dalle parole dell’allenatore piemontese, alla vigilia della sfida contro i rossoblù: “Dobbiamo reagire. Ora ci buttiamo sul Cagliari e sul campionato, senza troppi rimpianti – ha affermato all’Ansa -. Se non siamo riusciti ad andare ai gironi di Europa League, significa che non siamo stati abbastanza bravi. L’avversario di domenica è un’ottima squadra che lo scorso anno ci ha portato via tutti i punti e che quest’anno si è rafforzata come tante, all’interno di una serie A equilibrata. Non dobbiamo essere presuntuosi e affrontare l’impegno con determinazione e concentrazione, oltre che con qualità”.

Qualche defezione tra gli orobici: “Abbiamo qualche acciacco. Toloi e Palomino non ci saranno certamente, mentre Ilicic avrà ancora bisogno di due settimane per recuperare”. 

Il rinnovo? “Ne stiamo discutendo da giugno e con la sosta ci sarà tempo per ridiscuterne e formalizzare. Dopo essere usciti dall’Europa League magari potevo pensare che avrebbero cambiato idea” ha concluso col sorriso Gasperini.



Altre notizie relative

“Il Cagliari non c’entra con la lotta salvezza” Le parole di Gian Piero Gasperini sulla squadra rossoblù
Eppur si muove Il Cagliari di Maran ha iniziato a mostrare i primi segnali di vita
Barella, niente esordio azzurro Il centrocampista in panchina nella gara contro la Polonia

...e tu cosa ne pensi?

300