2 Settembre 2018 SERIE A 2018-2019 ATALANTA-CAGLIARI Nella foto: Barella e Hateboer. Foto Paolo Magni/Agenzia Fotocronache.it

Nella foto: Barella e Hateboer. Foto Paolo Magni/Agenzia Fotocronache.it

CRAGNO 6,5 – Coraggioso nelle uscite, infonde sicurezza a tutta la squadra. L’Atalanta può solo sbattere contro il muro eretto davanti alla porta rossoblù

SRNA 6,5 – Comprensibilmente più abbottonato rispetto a sette giorni fa, soffre il minimo sindacale in fase difensiva. L’ingresso del Papu Gomez non cambia di una virgola il suo spartito. Una conferma in termini di solidità.

ROMAGNA 7 – Guida il reparto col piglio del veterano, accettando (e vincendo) il confronto con un cliente ostico come Zapata. Un esame di maturità superato a pieni voti.

KLAVAN 6 – Al netto di qualche sbavatura in fase di impostazione, replica la prova lucida e ordinata fornita contro il Sassuolo. Evidenti (e naturali) i passi avanti in termini di intesa con i compagni di reparto


PADOIN 6 – Continuo e scolastico, come il più classico dei Padoin. Non disdegna qualche sortita offensiva, ma bada più a chiudere, a doppia mandata, la sua corsia.

CASTRO 5,5 – La sensazione è che per vedere il miglior Castro sia necessaria ancora qualche (fisiologica) settimana di ambientamento. Il giocatore stesso ne è consapevole e si cala, così, nei meandri di una partita sporca e di sacrificio. Rimandato alla voce linearità. (dal 74′ FARAGO’ 6 – Entra per dare fiato e supporto a Srna: assolve alle esigenze in maniera impeccabile)

BRADARIC 6,5 – Non il più classico dei geometri del centrocampo: essenziale nel dare ordine, ma si sporca anche le mani nell’inghiottire un’insidiosa fonte di gioco avversaria come Pasalic. Il file “spazzare via” non esiste nella sua memoria, a costo di qualche errore di precisione quando l’ossigeno scarseggia. Dispensa carisma e acume tattico.

BARELLA 7 – Contro la squadra (probabilmente) più fisica del campionato, abbina in modo roboante quantità e qualità. La rete, peraltro decisiva, è la classica ciliegina sulla torta. Il modo migliore per festeggiare la convocazione azzurra.

IONITA 6 – Un frullatore continuo, a tutto campo, tanto prezioso quanto poco appariscente. È il tassello che complica la fase di impostazione orobica per vie centrali. (dal 67′ DESSENA 5,5 – Trenta minuti in apnea, come il resto della squadra)

whatsapp

SAU 5,5 – Incoraggiante la mentalità con cui, in alcuni frangenti, abbassa il suo raggio d’azione. Purtroppo, ancora una volta, la volontà non va a braccetto con l’efficacia: impalpabile negli ultimi 30 metri. Avrebbe l’occasione per sbloccare la gara, ma la cicca clamorosamente. (dal 78′ FARIAS – SV) 

PAVOLETTI 5,5 – Non la migliore delle giornate per esaltare le sue caratteristiche. Non si fa problemi nello scendere in trincea e fare – letteralmente –  casino per almeno una frazione di gioco.

MARAN 6,5 – Al netto dei tre punti di capitale importanza, il gruppo rossoblù palesa evidenti passi avanti nella lettura della gara. Seppur a folate, cerca di imporsi e pungere gli avversari, soffre quando la gara lo richiede. Si riparta dagli ultimi, incoraggianti, 180′.

 

Stefano Sulis

 

Altre notizie relative

LIVE – Fiorentina-Cagliari: segui la diretta Segui la diretta del match fra toscani e sardi
Piccoli batte Cagliari, gioia Atalanta A Mandas la Primavera di Canzi capitola nel finale | CRONACA E TABELLINO
“Voglio un Cagliari sfacciato” Vigilia di campionato per il Cagliari, di scena domani all'Artemio Franchi di Firenze contro la lanciatissima Viola di Stefano Pioli.

...e tu cosa ne pensi?

300