Fabio Aru

Fabio Aru

Prestazione al di sotto delle aspettative per Fabio Aru nella nona tappa della Vuelta a España con l’arrivo in salita de La Covatilla. Il villacidrese ha pagato 40″ al gruppetto dei migliori che ha accelerato nella parte finale della salita murciana che ha regalato la seconda vittoria di tappa di Ben King, uno dei fuggitivi della prima ora. Gioia anche per Simon Yates che ha conquistato la maglia rossa ai danni del francese Molard, andato alla deriva nell’ ultima difficoltà di giornata.



LA CRONACA: Fuga iniziale composta da 11 elementi [Dylan Teuns (BMC Racing Team), Thomas De Gendt (Lotto-Soudal), Ben King (Dimension Data), Reto Hollenstein (Katusha-Alpecin), Thomas Leezer (LottoNL-Jumbo), Bauke Mollema (Trek-Segafredo), Jesus Ezquerra (Burgos-BH), Lluis Mas (Caja Rural-Seguros RGA), Luis Angel Mate, Kenneth Vanbilsen (Cofidis) e Aritz Bagües (Euskadi-Murias)] che ha preso un ampio vantaggio nella seconda parte della frazione.La  bagarre si è scatenata tra la testa della corsa nell’abitato di Candelario quando King ha tentato l’azione che l’ha portato fino al traguardo in solitaria. Lo statunitense ha avuto la meglio sui compagni di fuga Mollema e Teuns.

Nel plotone principale la Bora ha tenuto un buon ritmo col polacco Majka, staccando fin da subito la maglia rossa Molard e mettendo in difficoltà due uomini pericolosi come Mas e De la Cruz. Alla squadra tedesca è subentrata negli ultimi km la Lotto NL, poi sono i colombiani Lopez e Quintana a rilanciare e portare via all’arrivo un gruppetto con i soli Kelderman, Yates, Uran e Izaguirre. Alle loro spalle, il sardo della UAE non riesce a tenere le ruote e paga una decina di secondi al traguardo anche da Bennett, Valverde, Kruijswijk, Pinot , Buchmann e Gallopin. Per il villacidrese è arrivata alla fine una sedicesima posizione a 3’20” dal vincitore e a 40″ da Lopez e Quintana. Ora la classifica generale vede Simon Yates col simbolo del primato sulle spalle, seguito ad appena 1″ da Valverde e Quintana distaccato di 14″: Aru risale comunque la classifica, ed è ora 11° a 1’08” dall’inglese della Mitchelton Scott. Distacchi ancora colmabili per il Cavaliere dei Quattro Mori che spera di emergere alla distanza, con tante salite ancora da affrontare. Lunedì 3 settembre la prima delle due giornate di riposo della corsa spagnola: si riprenderà martedì 4 settembre con la Salamanca-Fermoselle di 177 km che potrebbe favorire i velocisti.



Altre notizie relative

Cassani:”Aru rinascerà” Così il CT della Nazionale sicuro sulla prossima stagione del sardo
Aru: “Sarà un Giro durissimo” Il villacidrese mette il mirino sulla corsa a tappe italiana
Martinelli: “Aru avrebbe dovuto staccare prima” Così il direttore sportivo dell'Astana sulle scelte del villacidrese

...e tu cosa ne pensi?

300