Simone Padoin firma autografi alla Sardegna Arena (foto: Zuddas Agenzia Fotocronache)

Simone Padoin firma autografi alla Sardegna Arena (foto: Zuddas Agenzia Fotocronache)

Intervistato da La Nuova Sardegna, Simone Padoin ha parlato del suo ottimo momento a Cagliari. Terza stagione in rossoblù, dopo la prima da mezzala titolare in arrivo dalla Juventus con il carrozzone mediatico dovuto al fatto di essere campione d’Italia e definito talismano, e quella scorsa a fare mille ruoli. Quest’anno è partito da mezzala di riserva, e oggi è terzino sinistro titolare.



Si definisce “rispettoso, leale, onesto e programmatore”, lo stakanovista classe ’84 di Gemona del Friuli, in condizioni fisiche smaglianti e sempre più utile a Rolando Maran. Attaccato alla famiglia, tanto da passare ogni momento libero con lei rimanendo spesso in Sardegna, non ha rimpianti per quanto fatto in carriera. “Qualche cosa avrei potuto farla meglio, ma va bene così, ho commesso tanti errori ma non rimpiango niente – dice – Penso di essere un leader negli atteggiamenti, quando c’è da pedalare non mi tiro indietro, anche alla Juventus cercavo di dare l’esempio nei comportamenti, pur non essendo il miglior giocatore della rosa”.

Klavan: “Cagliari è ideale”

Romagna: “Higuain-Cutrone? Siamo forti anche noi”

Inevitabile ribadire l’attaccamento al Cagliari e al suo popolo. “Questa squadra mi ha accolto una volta deciso di lasciare la Juventus, i tifosi hanno un affetto speciale, mi farebbe piacere rinnovare. E’ normale che una società rifletta sul futuro di un calciatore che a giugno 2019 avrà 35 anni. Sono fiducioso perché possiamo toglierci soddisfazioni”.

Cagliari, ma serve (e interessa) il nuovo stadio?

Parole al miele anche per il presidente Giulini e il tecnico Maran. “Il primo è molto ambizioso, ha idee interessanti e un progetto di crescita graduale. Il mister è pignolo e attento a ogni dettaglio, è bello avere davanti un allenatore che ha sotto controllo il tutto”. E ora il Milan. “Sono forti, Higuain fa la differenza, non sarà facile ma noi stiamo bene e abbiamo entusiasmo”.



Altre notizie relative

Barella-Giulini-Cagliari, tra raziocinio e utopia Ambizioni del calciatore, idee del presidente, valore che cresce esponenzialmente: cosa succederà?
Capello: “Barella come Tardelli” L'allenatore celebra il centrocampista del Cagliari
Super Barella, orgasmo Italia! Grande prova del cagliaritano in Polonia-Italia a Chorzow

...e tu cosa ne pensi?

300