Nicolò Barella, a segno contro il Milan nell'ultima sfida in Sardegna (FOTO Zuddas / Agenzia Fotocronache)

Nicolò Barella, a segno contro il Milan nell’ultima sfida in Sardegna (FOTO Zuddas / Agenzia Fotocronache)

Domenica alla Sardegna Arena sarà tempo di Cagliari-Milan, posticipo certamente affascinante della quarta giornata di Serie A. Oltre alla cosa più importante, ovvero i punti in palio, il match tra rossoblù e rossoneri riporterà in auge l’interessamento dei meneghini per Nicolò Barella. Il centrocampista classe ’97 è sulla bocca di tanti, a maggior ragione dopo un inizio di stagione positivo e la convocazione (senza esordio) nella Nazionale maggiore.



Difficile dire se, come talvolta si suppone o anche accade, il confronto sarà occasione di dialogo in merito ad un eventuale affare Barella, ma le dirigenze potrebbero ricordare l’interesse rossonero nell’ultimo calciomercato estivo. Fu l’ex direttore sportivo Massimiliano Mirabelli a pensare concretamente all’ingaggio di Barella, proponendo al Cagliari Manuel Locatelli (passato poi al Sassuolo a titolo definitivo) e un conguaglio economico. Trattativa mai decollata, con il Cagliari che intendeva (e intende tuttora) incassare dalla cessione del sardo non meno di 30 milioni di euro. Ci saranno margini per riprendere i discorsi ora che al Milan c’è Leonardo, grande amico del presidente isolano Tommaso Giulini?

Altre notizie relative

▶ Maran: “Formazione? E’ solo martedì…” Il tecnico rossoblù parla in vista della Fiorentina (VIDEO)
Conti: “Nazionale? Contava solo il Cagliari” L'ex capitano, oggi dirigente, con parole al miele per Barella
Barella-Giulini-Cagliari, tra raziocinio e utopia Ambizioni del calciatore, idee del presidente, valore che cresce esponenzialmente: cosa succederà?

...e tu cosa ne pensi?

300