Gigi Riva nel Museo del Cagliari

Gigi Riva nel Museo del Cagliari

Era il 10 settembre 1977 quando calava il sipario sull’epopea più travolgente della storia del Cagliari. Una favola incantata, certamente vincente. Incarnata da un ragazzo venuto da Leggiuno e che in Sardegna stabilì la propria base, senza mai più andarsene. Quel ragazzo, divenuto prima uomo e poi eroe per il popolo sardo (ma non solo), era Gigi Riva. Il quale, dopo aver reso grande la sua patria adottiva, appese gli scarpini al chiodo in un caldo venerdì di fine estate. Quello stesso giorno, smessi i panni dell’eroe, Riva entrò di diritto nei manuali di epica calcistica.



“Sarebbe stata una vigliaccata andare via da Cagliari, malgrado tutti i soldi della Juventus, ma io non ho mai avuto il minimo dubbio e non mi sono mai pentito. Ho capito di amare la Sardegna andando nelle case dei pastori e negli ovili. Una volta mi portarono in un paesino, a Seui, in provincia di Nuoro mi pare, e sulla credenza di un’anziana, notai anche una mia foto, tra i santini dei suoi genitori. L’amico che mi accompagnava chiese perché c’era la mia foto e la donna, senza riconoscermi, rispose: ‘Quello è buono’. Avevo alcuni amici fuori dal calcio, soprattutto pescatori, a cominciare da Martino. Mi voleva bene come un figlio, fu uno dei primi a invitarmi a casa sua, dove mi insegnò a mangiare il pesce con le mani, lasciando soltanto le lische. Dei sardi mi colpì la generosità. Mi hanno sempre fatto sentire uno di loro, attorno a tavolate con salsicce e maialino. E poi abbiamo lo stesso carattere, non ci mettiamo in mostra: siamo silenziosi. La Sardegna mi ha dato affetto e continua a darmene. La gente mi è vicina come se ancora andassi in campo a fare gol. E questa per me è una cosa che non ha prezzo”.



Altre notizie relative

Un Cagliari asimmetrico Il comportamento dei rossoblù nelle prime tre gare mostra dei tratti distintivi
Messi stregato, prima di lui solo… Riva! 44 anni fa l'ultima volta di un giocatore senza gol con tanti tiri
Gigi Riva: “Barella va tenuto ad ogni costo” Rombo di Tuono a L'Unione Sarda: "In A serve esperienza"

...e tu cosa ne pensi?

300