La locandina dell'evento in programma all'Amsicora

La locandina dell’evento in programma all’Amsicora

Il 21-22-23 settembre si terrà allo Stadio Amsicora di Cagliari una tre giorni di sport per festeggiare i 120 anni della Società Ginnastica Amsicora. Sodalizio sardo tra i più antichi d’Italia, fu fondato nel 1897 e consta attualmente di tre sezioni agonistiche (Ginnastica, Atletica Leggera e Hockey su prato), pur avendo avuto in passato altre sezioni attive (pugilato, ciclismo, calcio, etc.). Nei primi anni di attività, antecedenti agli anni ’20, la sede delle attività sociali è stata itinerante per il capoluogo sardo; successivamente, furono costruite due sedi per le attività sportive, in viale Cimitero (da numerosi decenni non più di proprietà della società) e in via dei salinieri (l’attuale sede sociale dello Stadio Amsicora).



Lo Stadio Amsicora ha ospitato numerosissimi eventi sportivi nazionali e internazionali: da incontri di pugilati con decine di migliaia di spettatori, ad eventi ciclistici (tra l’altro arrivi del Giro d’Italia), per arrivare anche alla corrida. Gemma della corona, lo Stadio Amsicora è stato il palcoscenico nel quale è andato in scena lo Scudetto del Cagliari di Gigi Riva (primo Scudetto vinto da una squadra del Meridione). Naturalmente, lo Stadio Amsicora è stato per decenni (soprattutto anni ’50-’60-’70) l’impianto principale dell’Atletica isolana.

La società di Ponte Vittorio ha consentito nella sua storia ultracentenaria a decine di migliaia di sardi la pratica sportiva, svolgendo un’importante funzione sociale che prosegue, nonostante l’attuale maggiore “concorrenza”. Nell’interminabile lista di ex atleti, numerosi gli atleti olimpici negli sport individuali (oltre, ovviamente, a decine di medagliati alle rassegne nazionali e internazionali) e ben 29 Scudetti nell’Hockey su prato (23 maschili e 6 femminili). Nell’Atletica, gli ultimi talenti di livello nazionale, nati e cresciuti allo Stadio Amsicora, sono stati Serena Pruner, Francesca Albiani, Wanderson Polanco, Paolo Caredda e Luca Barbini.

La tre giorni sportiva tuttavia non celebrerà soltanto i 120 anni del sodalizio, ma ricorderà uno degli allenatori storici, il Prof. Umberto D’Angiò, classe ’34 e scomparso nel novembre 2016. Buon atleta sugli ostacoli alti (personale di 14”9), il Prof. si cimentava anche nelle prove multiple. Padre sportivo di generazioni di atleti e tecnici che sono passati per Ponte Vittorio, D’Angiò ha cesellato soprattutto la generazione di atleti nati a metà degli anni ’60. Uomo tutto d’un pezzo, amava dire che il suo sangue era verde (colore sociale dell’Amsicora).



Il programma sportivo della tre giorni di festeggiamenti prevede: 21 settembre, convegno e mostra fotografica sui 120 anni di storia amsicorina; 22 settembre, Memorial Umberto D’Angiò, meeting di Atletica su pista ad inviti; 23 settembre, gara di corsa su strada sui 10 km, esibizione di hockey su prato, esibizione di ginnastica.

CLICCA QUI – Guarda il video di presentazione della tre giorni realizzato dall’Agenzia Fotocronache.it.

Altre notizie relative

Gioia Amsicora, la Coppa Italia è tua! Battuta in finale la Paolo Bonomi Hockey per 4-3
Hockey, il derby dice Amsicora Sconfitte per Ferrini, Uras e Suelli
Hockey, Suelli saluta la massima divisione Tra gli uomini vince solo Uras, giornata super tra le cagliaritane

...e tu cosa ne pensi?

300