Salvatore Sechi (foto: Alessandro Sanna)

In casa Torres è tempo di smaltire le score del derby perso, ma anche e soprattutto di pensare alla trasferta di Monterosi. Domenica i rossoblù di Pino Tortora (squalificato per tre turni), cercheranno un’altra vittoria fuori casa, visto che tra le mura amiche sono arrivati due KO per mano di due sarde, Lanusei e Latte Dolce.



A freddo, come sempre solo al canale preferenziale de La Nuova Sardegna, parla il presidente Salvatore Sechi. Il numero uno rossoblù, uscito dal derby visibilmente scuro in volto, parla di “amarezza”, ma anche di “onestà nel riconoscere che il Latte Dolce non ha rubato niente”. Insomma, dichiarazioni ben diverse da quelle del suo allenatore, che aveva individuato nell’arbitro la responsabilità della sconfitta. “Siamo stati bravi a reagire, pareggiando e provando a vincerla, mentre nel primo tempo il Latte Dolce ha avuto diverse occasioni e poteva andare al riposo con un vantaggio più ampio”.

Secondo Sechi, la Torres paga “inesperienza e un certo timore a livello difensivo”, ma c’è da sorridere per la prova di alcuni singoli. “Bene Demartis finché ha avuto fiato – dice –  I giovani stanno maturando. Lo stadio? Ho voluto giocare in notturna, assumendomi le responsabilità, si è vista una bella cornice di pubblico e questo conferma le potenzialità del nostro impianto e della nostra piazza. Per questo vorremmo gestire il Vanni Sanna direttamente. Una bella serata di sport – conclude a La Nuova Sardegna – Peccato per il risultato, ci rifaremo a Monterosi”.



Altre notizie relative

Mercato dei sardi, Torres molto attiva Il punto sulle tante trattative che interessano squadre e calciatori sardi
Torres, ecco Lauria: “Impossibile rifiutare” Sarà disponibile già in casa dell'Albalonga
Torres, mercato contro vento Le ultime sulle trattative del club di Sechi

...e tu cosa ne pensi?

300