Pierluigi Scotto, allenatore del Sorso, con i suoi giocatori (foto: Alessandro Sanna)

Si infiamma il campionato di Eccellenza, con il Muravera e il Guspini che approfittano del tonfo della Nuorese a Sorso e vanno in vetta. Proprio i romangini tornano sotto, grazie ad un’ottima prestazione, e respirano di nuovo quell’aria per la quale erano accreditati alla vigilia e avevano visto sfumare in seguito all’inizio balbettante. Detto dello stop barbaricino, piace il gioco spumeggiante del Monastir, che raccoglie il massimo contro il San Teodoro, dopo aver perso immeritatamente ad Arbus. Periodo di accelerate e frenate brusche, da segnalare il guizzo di Atletico Uri (in casa della Ferrini), Ghilarza (sul Tortolì) e Samassi (sull’Arbus, 2 KO su 2 in trasferta).



La copertina è senza dubbio per il Sorso di Pierluigi Scotto. Un momento complicato, con le dichiarate (da dirigenza e allenatore) difficoltà economiche “che però si stanno superando” e il solo punto in due partite, ma Michele Pulina (sempre protagonista) e compagni abbattono proprio la lanciatissima Nuorese (reti di Pulina su rigore nel primo tempo e Cocco nella ripresa) e rialzano testa e voce. Bella prestazione quella dei biancocelesti, apparsi nettamente superiori alla Nuorese, bravi a mettere subito in chiaro le cose con Pulina che conclude e ispira già nei primissimi minuti. Nuorese nervosa e disordinata, stesa dalla leadership di Pulina, Giacomo Cocco e Luca Tedde, bravi a dominare la scena e trascinare il resto della truppa. Si è giocato sul sintetico di Usini per la persistente indisponibilità del La Piramide di Sorso.

A 10 punti ci sono Guspini e Muravera. La squadra di Piras non dà scampo al Porto Rotondo e continua a sognare, proseguendo sulla scia dell’ottima seconda parte di stagione scorsa. Gol di Uliana, Stocchino, Cherchi, momentaneo 2-1 gallurese firmato da Mascia. Ora il Guspini giocherà a Nuoro, in un match già rilevante per le sorti del campionato. Il Muravera si conferma squadra granitica che ha tante opzioni per spuntarla in qualsiasi momento. Decide Giuseppe Meloni, in casa dello Stintino, e ora c’è voglia di fuga.



Pesante colpo-salvezza del Taloro a Bosa, nella sfida tra chi in precedenza aveva tolto punti proprio al Sorso. Al Campo Italia decide Calaresu. Brillante vittoria del Monastir di Nicola Manunza, ma il 3-0 poteva essere invece ben più ampio, contro un San Teodoro di Pittalis che ha conosciuto il suo primo passaggio a vuoto. I gol sono di Tronu, Lai e Festa (rigore). La rete di Atzeni non basta all’Arbus, rimontato a Samassi da Suella e dall’ex (come Agus e Toro dall’altra parte) Nicola Sogus. Il Samassi si rialza, l’Arbus conferma il mal di trasferta. Le realizzazioni di Manca, Ibba e Demurtas valgono il 3-1 del Ghilarza sul Tortolì (1-1 momentaneo di Meloni su tap-in dopo suo rigore sbagliato), in un match deciso solo nel finale. La Ferrini si illude con il rigore di Fabio Argiolas, l’Atletico Uri è squadra vera che trova tre punti fondamentali per cambiare marcia, vidimati da Puledda e Piras proprio in zona Cesarini e in inferiorità numerica.

Fabio Frongia

Altre notizie relative

Mercato dei sardi, Torres molto attiva Il punto sulle tante trattative che interessano squadre e calciatori sardi
Eccellenza, chi sbuca dal trio delle meraviglie? Inizia dicembre, tempo di mercato: il punto sull'Eccellenza sarda
Eccellenza, che bagarre dietro Muravera e Nuorese! I risultati e la classifica dopo il sesto turno dell'Eccellenza sarda

...e tu cosa ne pensi?

300