Michelangelo Anile

E’ la trasferta di Soverato a inaugurare la stagione dell’Hermaea Olbia, pronta per il quinto anno consecutivo a difendere i colori della Sardegna nel campionato di Serie A2 Femminile di Volley. La squadra del presidente Sarti si presenta ai nastri di partenza del torneo fortemente rinnovata. Anche se, come sottolinea il tecnico Michelangelo Anile, la costruzione della chimica di squadra è già a buon punto: “Mi ritengo soddisfatto di questo primo mese di lavoro – afferma il coach – ho a disposizione un gruppo che lavora sodo e che ha tanta voglia di far bene. L’aspetto che mi ha colpito maggiormente è la volontà delle mie giocatrici di conoscersi e di fare un passo verso la compagna da aiutare. Una fase di adattamento sarà inevitabile, ma dopo ogni allenamento vedo una squadra migliorata, e questo mi lascia ben sperare per il futuro”.



Pochi ma sempre incoraggianti gli scrimmage estivi effettuati dalla squadra biancoblù, che ha evidenziato un buono stato di forma in tutti i suoi effettivi. Compresa la russa Nikolaeva, che dovrà però risolvere qualche acciacco prima di essere la stessa giocatrice ammirata a Kazan: “Arriva da un volley diverso – aggiunge Anile – deve pian piano prendere le misure con questo nuovo mondo. Il talento non le manca, e anche nelle amichevoli ha mostrato importanti lampi di classe. Pian piano raggiungerà il pieno della forma”. Alle spalle di Nikolaeva non mancano però le alternative: “Tutto il gruppo promette bene – prosegue – dalle più esperte come Barazza e Fiore, fino ad arrivare alle più giovani come Maruotti e Giometti. Ognuna delle ragazze ha saputo dare segnali confortanti”.

Soverato non è certo un avversario comodo per inaugurare la stagione: “Diversamente dall’anno scorso – analizza il tecnico – non hanno una vera e propria punta di diamante. Puntano, invece, su un collettivo interessante, che può contare su un discreto livello di talento in attacco. E’ possibile che accusino degli alti e bassi all’interno di una partita, ma sono comunque un avversario tosto, che non ci possiamo permettere di prendere sottogamba. Senza contare che andranno a nostro sfavore anche diversi aspetti extra-campo, come la lunghissima trasferta e il tifo di casa sempre particolarmente caldo”. L’Hermaea, però, scenderà in campo senza timori: “Il nostro obiettivo è quello di arrivare ai playoff, e se vogliamo raggiungerlo dobbiamo fare risultato anche lontano da casa. Vogliamo tornare da Soverato con in tasca i primi punti della stagione”.

Ufficio Stampa



Altre notizie relative

Hermaea battuta a Orvieto Le olbiesi cedono alla terza forza del campionato
Hermaea, a Orvieto serve un’impresa Dopo Soverato c’è un’altra big sul cammino della squadra biancoblù: è la Zambelli terza in classifica
Hermaea, niente da fare contro Soverato Con Maruotti limitata da un problema alla schiena, le galluresi tengono testa alle calabresi per due set ma alla fine alzano bandiera bianca

...e tu cosa ne pensi?

300