Michele Filippi, allenatore dell’Olbia in prima dopo due anni da vice

Al termine della gara di Pontedera persa 2-1 dall’Olbia, il tecnico dei Bianchi Michele Filippi ha commentato: “Nei primi venti minuti abbiamo fatto la partita che volevamo, giocando in maniera ordinata e rendendoci pericolosi. Eravamo sicuramente più presenti del Pontedera, poi abbiamo gestito male una situazione che conosciamo bene e su cui lavoriamo tanto”. 



“Probabilmente ci dobbiamo lavorare ancora di più- prosegue il mister– perché ad oggi stiamo pagando la mancata capacità di gestire i frangenti della gara e questa mancanza ci sta portando a raccogliere meno di quello che meritiamo. Il verdetto del campo va comunque accettato per cui non possiamo che rimboccarci le maniche e tornare a lavorare con ancora maggiore convinzione. Abbiamo un potenziale che deve venire fuori. Dopo lo svantaggio abbiamo perso un po’ di lucidità e questo non deve succedere mai. Non ha senso andare in frustrazione per un gol subito, dobbiamo migliorare anche sotto questo aspetto. Sul 2-1 ero convinto che potessimo pareggiarla, ma anche lì ci è mancata un po’ di incisività, la stoccata decisiva che valorizzasse l’enorme quantità di gioco prodotta”.

Altre notizie relative

Marino: “Con Gravina il calcio svolta” Il numero uno dell'Olbia sull'elezione del nuovo presidente federale
Filippi: “Gruppo super, critiche ingenerose” La disamina del tecnico dell'Olbia dopo il 4-3 vittorioso sulla Carrarese
Senesi: “Avanti così, senza paura” L'attaccante di Genzano, decisivo per il 4-3 sulla Carrarese, parla così | SALA STAMPA

...e tu cosa ne pensi?

300