Delia Gagliano

Trentasei minuti al comando e poi la beffa finale. E’ sfortunata la seconda uscita stagionale del San Salvatore Selargius, costretto ad arrendersi al PalaTiber di Roma contro l’Athena per soli due punti (64-62).




La squadra di Staico ha dimostrato personalità, approcciando la gara col piglio giusto e mettendo in difficoltà una compagine di buon livello nonostante lo status di neopromossa. Chiuso il primo quarto in vantaggio sul 15-16, le selargine hanno allungato il margine di vantaggio a metà gara (27-33) approfittando delle ottime prestazioni individuali di Arioli (17 punti, 6 rimbalzi e 3 assist) e Brunetti (seconda doppia-doppia della stagione con 19 punti e 12 rimbalzi). Roma, trascinata dai canestri di Grimaldi, Bernardini e dell’eterna Gelfusa, ha però avuto il merito di tenersi sempre in scia (44-46). Nel finale il San Salvatore ha provato ad accelerare nuovamente guadagnando anche 8 lunghezze di margine. La vittoria, a quel punto, è sembrata a portata di mano delle ospiti, che hanno però perso l’inerzia favorevole a causa di un paio di sbavature sia nella metà campo offensiva che in quella difensiva. Nel finale punto a punto nemmeno la fortuna ha aiutato le giallonere: con una manciata di secondi sul cronometro, infatti, Brunetti ha perso l’equilibrio a causa del fondo del PalaTiber, reso scivoloso dall’umidità. Una palla persa che è stata pesante nell’economia della gara, con l’Athena che, dalla parte opposta ha trovato i punti della vittoria sul 64-62.

“Non cerchiamo scuse – commenta coach Staico – ma ci sarebbe piaciuto giocare uno dei possessi decisivi della gara con un fondo adeguato. Peccato, perchè con un pizzico di cattiveria e di cinismo avremmo potuto vincere la partita nonostante le pessime percentuali dalla lunetta (appena 15/27, ndr). C’è ancora tanto da lavorare, specialmente nella distribuzione delle responsabilità tra tutte le componenti della squadra”.

Athena Roma-San Salvatore Selargius 64-62

Roma: Volponi 2, Raveggi 3, Vignali, Piacentini ne, Grimaldi 18, Russo 6, Gelfusa 18, Cirotti 5, Bernardini 10, Verrecchia 2, Perrotti ne, Cerullo ne. Allenatore: Goccia

San Salvatore: Melis ne, Cicic 4, Lussu 10, Mura, Pinna, Loddo ne, Brunetti 19, Stoichkova 4, Gagliano 4, Manfrè 4. Allenatore: Staico

Parziali: 15-16; 27-33; 44-46

Altre notizie relative

Il Cus Cagliari cede alla capolista Campobasso troppo forte per le sarde
San Salvatore, è un periodo nero Partita tutta all’inseguimento per le giallonere a Roma, che cadono sotto i colpi dell’ex Masic (top scorer con 20 punti a referto)
Il San Salvatore cerca la svolta Dopo tre battute d’arresto in fila contro San Giovanni Valdarno, Palermo e Bologna, le giallonere vogliono rifarsi contro l’ex Mia Masic

...e tu cosa ne pensi?

300