Nicolò Barella con la maglia dell’Italia

Gli indizi ci sono tutti, nonostante le parole del CT Roberto Mancini abbiano disorientato i più. A meno di sorprese – sgradite, soprattutto per i tifosi rossoblú – Nicolò Barella farà quest’oggi il suo esordio a tinte azzurre.

Palcoscenico lo studio “Luigi Ferraris” di Genova. Avversario di turno, l’Ucraina guidata da Andriy Shevchenko.



Una tappa attesa e spartiacque nel processo di crescita del centrocampista rossoblù, ormai una certezza nel panorama calcistico italiano. Per questo motivo – oltre al tenore delle prestazioni – Roberto Mancini avrebbe deciso di scommettere su Barella nel tourbillon volto ad individuare il nucleo sul quale (ri) costruire la nazionale.

Al suo fianco, alla luce degli esperimenti del CT, agiranno Jorginho e Verratti per un centrocampo ad alto tasso qualitativo.


Altre notizie relative

Conti: “Nazionale? Contava solo il Cagliari” L'ex capitano, oggi dirigente, con parole al miele per Barella
Barella-Giulini-Cagliari, tra raziocinio e utopia Ambizioni del calciatore, idee del presidente, valore che cresce esponenzialmente: cosa succederà?
Capello: “Barella come Tardelli” L'allenatore celebra il centrocampista del Cagliari

...e tu cosa ne pensi?

300