Fabio Aru

Giro di Lombardia senza squilli per Fabio Aru che ha perso contatto dai migliori a una cinquantina di chilometri dall’arrivo, sul Muro di Sormano. La vittoria è andata a Thibaut Pinot che ha staccato Vincenzo Nibali sulla penultima difficoltà del Civiglio.



LA CORSA: Fuga iniziale composta da 8 corridori che si è ridotta a 4 sul Ghisallo: Storer, Bonnamour, Tonelli e Orsini sono stati controllati dal gruppo tirato dalla Bahrain e dalla Lotto Jumbo e raggiunti sul Muro di Sormano dove si infiamma la corsa: Roglic è il primo a scattare, poi sono Nibali e Pinot a rispondere, saltando lo sloveno che riuscirà poi a rientrare in discesa così come il colombiano Bernal. Il francese stacca uno dopo l’altro i suoi avversari sul Civiglio andando a prendere la vittoria che fa il paio con quella conquistata alla Milano-Torino. Secondo posto per Vincenzo Nibali seguito da Dylan Teuns della BMC. Niente gloria per il sardo che ha perso sin da subito le ruote dei migliori nonostante i bei segnali lanciati sul Ghisallo, corso nelle posizioni di testa: alla fine arriva una poco entusiasmante 54ª posizione a 8’40” dal vincitore. Ora Il Cavaliere dei Quattro Mori partirà per la Cina per l’ultima fatica del 2018, il Tour of Guangxi dal 16 al 21 ottobre.



Altre notizie relative

Aru: “In questo 2018 mi è mancato qualcosa” Le parole del sardo prima del Tour of Guangxi
Caparbio Aru, è 9° alla Milano-Torino Vittoria per il francese Pinot
Aru: “Non potevo mancare alla Milano-Torino” Le parole del villacidrese alla vigilia della classica

...e tu cosa ne pensi?

300