Mauro Giorico, mister dell’Arzachena



Al termine della gara fra Arzachena e Juventus U23, vinta per 1-0 dagli smeraldini grazie al gol di Bonacquisti, dalla sala stampa del “Biagio Pirina” arrivano le parole di Mauro Giorico, il quale analizza così l’incontro: “I ragazzi si sono spremuti peggio di un limone. Vinciamo meritatamente: è un grande successo di gruppo che ci dà tanto per il morale e per la classifica. Sanna è stato spina nel fianco della Juventus, ha sbagliato solo un paio di controlli. Bravi tutti, perché la gara l’avevamo preparata benissimo a livello tattico. Menzione d’onore per Taufer che ha dato enorme fastidio alla costruzione avversaria. Speriamo di recuperare qualche infortunato, altrimenti è dura giocare ogni tre-quattro giorni. Oggi ci godiamo questo successo, da domani valuteremo testa e gambe, diversi sono usciti affaticati“.



Una vittoria soprattutto tattica. “Ho detto ai ragazzi che bisognava attaccarli alti, perché loro giocano dal basso e hanno qualità. Non ci siamo mai abbassati se non nel finale, siamo molto soddisfatti“.

Così invece il tecnico dei bianconeri, Mauro Zironelli, che analizza la sconfitta patita in terra sarda: “Partita combattuta, molto fisica. Abbiamo cercato di giocare la palla a, purtroppo nel primo tempo non siamo riusciti a concretizzare e veniamo beffati per questa situazione da calcio d’angolo. Dovevamo creare e concretizzare di più. Queste partite permettono a noi di crescere, di farci le ossa e maturare. Nella ripresa potevamo essere più rapidi e lucidi, peccato per quelle due traverse, la gara poteva cambiare volto. Nella ripresa ho messo Del Prete per continuare a gestire con qualità da dietro. Dispiace perché potevamo fare meno tocchi nel costruire, ma loro facevano densità e ci hanno chiuso le strade. Risultato bugiardo? Ditelo voi, per me è 0-1 e credo che gli episodi non ci abbiano favorito”.



Così Lorenzo Del Prete, difensore classe ’86 appena tornato alla Juventus. “Sapevamo che l’Arzachena ci avrebbe aspettato per ripartire, che non sarebbe stata una grande gara a livello spettacolare, purtroppo non siamo riusciti a cambiare passo nella ripresa creando occasioni. Dispiace, abbiamo visto che in questo campionato non si scherza, sarà dura ma abbiamo fame, cattiveria e qualità per dire la nostra. Per quanto mi riguarda sono felice di essere tornato dove ho iniziato, non vedo l’ora di essere al top per rendermi utile dove vorrà il mister“.

dall’inviato Fabio Frongia

Altre notizie relative

Trillò: “Gara decisa dagli episodi” Le parole del terzino dell'Arzachena dopo la sconfitta con la Pro Patria
Fresi: “Potevamo fare di più” Le parole del vice-allenatore smeraldino dopo Pro Patria-Arzachena
Arzachena ancora a secco lontano dal Pirina La cronaca e il tabellino della gara valida per l'11a giornata

...e tu cosa ne pensi?

300