Fabio Aru

Alla vigilia del Tour of Guangxi, sua ultima fatica stagionale, il villacidrese Fabio Aru è stato intervistato dal portale specializzato da TuttoBiciWeb. Il ciclista della UAE team Emirates è tornato sul suo 2018 non certo all’altezza delle aspettative: “Mi è mancato qualcosa, non sono mai stato all’altezza dei migliori. Non ho mai raggiunto la condizione migliore e in questo sport non ti puoi permettere di essere al 95%. Qualche errore è stato commesso, ho imparato che non devo strafare e non ho dimostrato quanto valgo. Non mi sono piaciuto, ma garantisco che mi sono impegnato giorno per giorno e vorrei che i miei sacrifici e quelli di chi mi sta intorno vengano ripagati. La ruota girerà ne sono sicuro”.



“La voglia di correre non manca – prosegue nell’intervista rilasciata a Giulia De Maio- sarei già potuto già essere in vacanza, ma voglio ancora attaccare il numero sulla schiena. Le mie sensazioni non sono state buone, si è visto al Lombardia, ma voglio cogliere il meglio da questa esperienza in Cina: non ho grandi obiettivi personali per la corsa, ma sarà importante per capire come sto in vista del primo training camp per il 2019, previsto a fine ottobre ad Abu Dhabi”. Prima però il sardo penserà al Tour of Guangxi che prevede tappe adatte ai velocisti e due frazioni (la quarta e la quinta) con alcune difficoltà altimetriche.

Altre notizie relative

Cassani:”Aru rinascerà” Così il CT della Nazionale sicuro sulla prossima stagione del sardo
Aru: “Sarà un Giro durissimo” Il villacidrese mette il mirino sulla corsa a tappe italiana
Martinelli: “Aru avrebbe dovuto staccare prima” Così il direttore sportivo dell'Astana sulle scelte del villacidrese

...e tu cosa ne pensi?

300