Arboleda dell’Arzachena

Un’Arzachena mai in partita viene sconfitta a Lucca in una gara condotta dall’inizio alla fine dalla Lucchese di Favarin. Finisce 4-0 con i gol di Bortolussi (nel primo tempo), Provenzano, De Feo, Lombardo (nella ripresa). Isolani che rimangono a 6 punti, pronti a cercare riscatto domenica al “Pirina” contro l’Alessandria, fresca di 0-0 a Olbia.

LA PARTITA – Primo tempo in affanno per l’Arzachena, che prima rischia sul tiro ravvicinato di Bortolussi (bene Pini con il riflesso) e poi capitola sull’incornata dello stesso attaccante appostato tutto solo sul secondo palo sugli sviluppi da corner. La reazione isolana è tutta nel tiro di Casini in contropiede (rifinito da Loi da sinistra), ma il portiere la mette miracolosamente in corner. L’ultima emozione la regala Provenzano, il cui tiro è fuori di poco. Nella ripresa parte forte la Lucchese, che comanda le operazioni e segna subito con Provenzano, bravo a indovinare l’angolo dalla distanza sfruttando la lentezza dei riflessi di un mal piazzato Pini. Gli smeraldini faticano a reagire, Giorico aspetta prima di cambiare, De Feo all’ora di gioco irrompe in area sul cross da sinistra e fa tris. Il resto è accademia rossonera, con possibilità di rimpinguare il bottino, girandola di sostituzioni e pensiero presto rivolto al weekend. Allo scadere la mano di La Rosa produce il rigore che Lombardo calcia e manda in gol per il poker, nonostante il tocco di Pini.

LE PAROLE DI MAURO GIORICO NEL POST-PARTITA



IL TABELLINO
LUCCHESE-ARZACHENA 4-0
Lucchese: Falcone; Lombardo, Gabbia, Martinelli, Santovito (77′ Strechie); Greselin (77′ Palumbo), Mauri, Provenzano; De Feo (84′ Isufaj); Sorrentino (65′ Jovanovic), Bortolussi. A disp.: Aiolfi, Cardore, Bernardini, Palmese, De Vito, Nieri, Bacci, Zanini. Allenatore: Giancarlo Favarin.
Arzachena: Pini; Arboleda, La Rosa, Baldan, Trillò; Pandolfi (68′ Manca), Taufer (82′ Onofri), Casini, Loi (37′ Ruzzittu); Gatto (68′ Bruni), Sanna (82′ Corinti). A disp.: Ruzittu, Carta, Casula, Porcheddu, Busatto. Allenatore: Mauro Giorico.
Arbitro: Cristian Cudini della sezione di Fermo.
Reti: 16′ Bortolussi, 50′ Provenzano, 58′ De Feo, 91′ rig. Lombardo
Ammonizioni: Gatto, Santovito, Strechie (dalla panchina), De Feo, Casini, La Rosa



LE PAGELLE

Pini 5 – Salva tutto al 16′ su Bortolussi, poi capitola in modo colpevole sul 2-0 di inizio ripresa, quando è lento e mal piazzato. In affanno su alcuni palloni vaganti, come tutta la difesa, sfiora il miracolo sul rigore finale.

Arboleda 4.5 – Messo in perenne, grande difficoltà – sia negli uno contro uno sia nei cambi di gioco e conseguenti corpo a corpo -, non esce mai dalla fossa.

La Rosa 5 – Ci capisce poco e sbuffa senza costrutto.

Baldan 5 – Prima gara in affanno della sua esperienza smeraldina, non riesce a dare solidità ad un reparto molto sollecitato.

Trillò 5 – Mai protagonista, se non con qualche tentativo di galoppata per rompere gli argini, deve remare contro corrente ma non ha successo.



Pandolfi 4.5 – Manca la sua proverbiale vivacità e intelligenza, viene sostituito e Giorico gli risparmia una ventina di minuti preziosa in vista di domenica. (dal 68′ Manca SV – Un altro gettone per fare archivio ed esperienza, anche se stavolta la contesa era bella che andata)

Taufer 4.5 – Corre a vuoto in mezzo al campo, dove i lucchesi arrivano da tutte le parti.

Casini 5 – Potrebbe (forse) cambiare le sorti della serata con la rasoiata che Falcone gli toglie dall’angolino. Per il resto viene travolto dal traffico della giostra rossonera. Ammonito per un duro tackle a giochi fatti.

Loi 5 – Voto così “alto” solo perché esce suo malgrado per infortunio, giocando 38′. Il forfait per questioni fisiche aggrava però ulteriormente il suo status di eterna promessa che chissà quando sarà compiuta. (dal 38′ Ruzzittu 5 – Solita volontà nel proporsi e allungare la squadra, ma non la vede mai)

Gatto 4.5 – Esce innervosito dopo una partita in cui produce il nulla e si conferma inconcludente quando deve creare giocate e superiorità, ricevendo palla in zona calda. (dal 68′ Bruni SV – Gioca il garbage time in cui la gara non ha più nulla da dire)

Sanna 4.5 – Desaparecido al “Porta Elisa”, anche perché l’Arzachena non riesce mai ad innescarlo. Si sbatte, è un po’ stanco, importante che recuperi per l’Alessandria.

Allenatore: Mauro Giorico 4.5 – Squadra molto poco giorichiana, subito in difficoltà e disordinata nel fronteggiare l’avversario. L’Arzachena riparte solo una volta (e per poco non segna), ma soprattutto dà presto e sovente l’impressione di poter affondare. Pesano le assenze, altrettanto importante è la forza dell’avversario, ma è una lezione utile per capire che questo è ciò che non va fatto se ci si vuole salvare. Le sue parole nel post-partita

Fabio Frongia

Altre notizie relative

Trillò: “Gara decisa dagli episodi” Le parole del terzino dell'Arzachena dopo la sconfitta con la Pro Patria
Fresi: “Potevamo fare di più” Le parole del vice-allenatore smeraldino dopo Pro Patria-Arzachena
Pagelle Arzachena: il fortino regge 75′ I nostri giudizi sulla prova degli smeraldini a Busto Arsizio

...e tu cosa ne pensi?

300