Anna Lussu, capitano del San Salvatore

Due vittorie in tre partite di campionato: è questo il bottino, assolutamente lusinghiero, raccolto fin qui dal San Salvatore Selargius. Per completare un avvio fin qui ottimale, però, le ragazze di Fabrizio Staico sono chiamate ora ad aggiungere un tassello fondamentale, ovvero la vittoria esterna. Due domeniche fa le giallonere hanno condotto per larghissimi tratti in casa dell’Athena Roma, venendo però rimontate in uno sfortunato finale. Sabato pomeriggio a Savona, allora, le selargine andranno a caccia di riscatto: “Il nostro avvio è stato positivo – afferma il capitano Anna Lussu – peccato per la sconfitta di Roma, ma anche in quel caso abbiamo dimostrato di avere le qualità per giocarcela sempre e comunque”.



A Savona il San Salvatore troverà un avversario che fino a ora non ha ancora conosciuto il sapore della vittoria. La squadra guidata in panchina dall’esperto Vito Pollari si è infatti arresa sia all’esordio contro Civitanova Marche, che nelle successive due gare contro Palermo e Umbertide. Alle liguri, però, non manca il talento. A cominciare dagli esterni, dove la leadership è nelle mani di Elisabetta Penz e dell’ex Cus Cagliari Federica Alesiani: “Tutti gli avversari meritano rispetto – aggiunge Lussu – anche se stanno sul fondo della classifica. Noi in questa fase pensiamo soprattutto alla nostra crescita di squadra. Rispetto agli anni scorsi possiamo contare su una rotazione più ampia, nella quale tutte le avremo l’opportunità di dare il nostro contributo. Obiettivi? Voliamo basso – sottolinea – anche l’anno scorso eravamo una buona squadra, ma tra un infortunio e l’altro ci siamo ritrovate a combattere fino all’ultimo per evitare la retrocessione. L’esperienza mi ha insegnato che bisogna sempre partire dalla salvezza”.

Per ben figurare in terra ligure, le giallonere ripartiranno dalla buona prova interna offerta contro Pistoia: “E’ stata una gara impegnativa – dice ancora Lussu – abbiamo affrontato una squadra giovane e molto atletica, che non ha mollato fino all’ultimo secondo. Le percentuali basse non ci hanno permesso di chiudere prima la gara. Peccato, ma l’importante era vincere, dunque va bene così”.

Il capitano del San Salvatore fa quindi il punto sul Girone Sud, alla vigilia dipinto da molti addetti ai lavori come inferiore rispetto a quello Nord da un punto di vista prettamente tecnico: “Non sono d’accordo – afferma – siamo soltanto all’inizio, e ancora non abbiamo affrontato squadre attrezzate come Bologna, Campobasso e Faenza. Credo che il livello medio sia buono anche in questo girone. Noi, a prescindere da chi ci troveremo davanti, dovremo affrontare chiunque con grande impegno e determinazione”.

Squadre in campo sabato 20 ottobre alle 15.30 al Palazzetto dello Sport “Settimo Pagnini” di Savona. Gli arbitri designati sono Roberto Fusari di Pavia e Matteo Lucotti di Binasco (MI).

Altre notizie relative

Cus Cagliari corsaro, OT amaro per San Salvatore Terza vittoria per le universitarie
Cicic: “Non accontentiamoci” Parla la croata del San Salvatore prima della gara col San Giovanni Valdarno
Il San Salvatore ingrana la quarta Battuta Umbertide 71-63 al PalaVienna

...e tu cosa ne pensi?

300