Yuri Senesi, decisivo nel 4-3 dell’Olbia in casa della Carrarese

Cronaca e tabellino di Carrarese-Olbia

Clicca qui per le interviste del match dalla sala stampa del “Mannucci”

Marson 8 – Tiene a galla e blinda l’Olbia a suon di interventi di grande solidità, facendo la voce grossa di fronte al bombardamento del plotone di casa.

Pisano SV – Dura 21′ la sua partita, poi alza bandiera bianca. Sin lì aveva combattuto e spesso vinto contro Tavano, nel duello tra “vecchietti”. (dal 21′ Pinna 6 – Bravo in alcuni corpo a corpo, come prevedibile è una gara di sofferenza da quella parte ma finisce per salvarsi ed esultare)

Bellodi 6 – In una partita dove c’è un’occasione ad azione è dura tenere botta, lui alterna buone chiusure a giri di valzer che non risultano letali.



Iotti 6.5 – Pronti, via e trova quel gol spesso sfiorato. Non è sempre pulito, ma sovente è efficace, confermandosi leader della retroguardia.

Cotali 6 – Dalla sua parte arrivano molte opportunità per la Carrarese, serata in apnea.

Pennington 6 – Non sta benissimo ma fino a quando ne ha corre e tampona, pecca sul piano della lucidità. (dall’84’ Calamai SV – Pochi minuti per esordire in bianco e partecipare alla vittoria)

Muroni 6.5 – Diverse chiusura da classico frangiflutti, in alcuni frangenti riesce anche a mettere ordine al flipper che va in scena.

Vallocchia 6.5 – Si procura il rigore del 2-2, spinge con foga e spesso qualità.

Senesi 8 – Prestazione non sempre continua, anche se alcuni strappi giustificano la scelta di Filippi di confermarlo lì dietro le punte. L’azione alla Nicolino Berti che porta al rigore del 4-3 vale prezzo del biglietto e palma di MVP, seppur in coabitazione.

Ragatzu 8 – Due rigori e un assist dicono molto ma non tutto della classica recita da protagonista. Il quartese si accende e si spegne quando e come vuole, e va a nozze contro una Carrarese colpevole di lasciargli spazi che lui sfrutta a piacimento. Il tocco delizioso non è una novità, stavolta porta anche tante cose concrete.



Ceter 6.5 – Un gol per ripartire, il ruolo di spauracchio per la difesa avversaria e un’occasione non sfruttata in avvio che poteva gridare vendetta.

Allenatore: Michele Filippi 7 – Partita preparata bene, con ciliegina offerta da un avversario supponente e scriteriato nel fare tutto quello che fa comodo all’Olbia. Poi i bianchi sono bravi a sfruttare spazi e disattenzioni, tutte cose che le precedenti rivali affrontate non avevano concesso. Questa squadra ha qualità, gamba, spunto, idee, e se le permetti di metterle in mostra ti fa male. Energia pura che non andrà sprecata, puntando già l’Arezzo (domenica alle 14.30 al “Nespoli”).



CARRARESE: Borra 6; Cardoselli 5.5 (69’ Pugliese 5), Agyei 4, G. Ricci 4.5, L. Ricci 5.5; Foresta 4.5, Rosaia 6.5 (87’ Coralli SV); Tavano 6.5, Biasci 5 (46’ Maccarone 6), Caccavallo 6.5, Bentivegna 5 (58’ Valente 6). A disposizione: Mazzini, Carissoni, Alari, Rollandi, Addiego Mobilio, Karkalis.
Allenatore: Silvio Baldini

Fabio Frongia

Altre notizie relative

Pagelle: Senesi unico a salvarsi I nostri giudizi su Olbia e Gozzano dopo la sfida del Nespoli
“Verso il Gozzano con entusiasmo e passione” Le parole del tecnico Filippi alla vigilia della sfida contro i piemontesi

...e tu cosa ne pensi?

300