Rolando Maran

L’imperativo è chiaro: vietato fidarsi del Chievo. Questo il messaggio di Rolando Maran durante la conferenza stampa di presentazione della sfida contro i clivensi.

“La partita di domani è importante come le altre. La classifica non descrive il valore del Chievo, che ben conosco. Sono sicuro che vorranno iniziare a fare punti. Ma noi dovremo concentrarci su noi stessi, dovremo interpretare la gara con la giusta determinazione”.



L’incrocio col Chievo non sarà mai banale per il tecnico trentino: “Naturalmente sfidare il Chievo suscita in me emozioni particolari. Quei colori sono stati molto importanti per me, sia come giocatore che come allenatore. Adesso, però, sono il tecnico del Cagliari e voglio vedere sempre la maglia sudata per toglierci delle soddisfazioni. Cosa cambia con Ventura? Tanto, ma il materiale per studiarlo è limitato”.

Quanto ha inciso la nuova disposizione tattica sul miglioramento delle prestazioni? “Ciò che ha determinato la crescita non è stato il cambiamento nell’assetto tattico, quanto più la crescita nell’interpretazione delle partite. La rosa è cresciuta in termini di maturità ma non voglio parlare di asticelle: diamo sempre il massimo. Certamente la trasferta di Firenze ci ha trasmesso autostima, dimostrando come sia possibile fare prestazioni importanti anche su campi difficili”.

Capitolo indisponibili: “Srna ha recuperato completamente. Mancheranno invece Lykogiannis, Klavan, Farias e Pajac”.



Altre notizie relative

Maran: “Cagliari azzurro? Meriti in primis a Giulini” Il tecnico vota Allegri per la Panchina d'Oro: Giusto premiare chi vince
Spal-Cagliari, l’analisi tattica fotografica FOTO - Schemi, errori, virtù del Cagliari visto a Ferrara nella nostra analisi
Giulini stavolta ha fatto le cose per bene IL COMMENTO | Il Cagliari si riposa, pensa al Torino e culla le sue certezze

...e tu cosa ne pensi?

300