Rolando Maran | Foto Gianluca Zuddas/Agenzia Fotocronache

Il Cagliari si prepara alla trasferta più affascinante. Quella che maggiormente intriga l’appetito dei tifosi. Inevitabile quando l’avversario di turno è quella Juventus da più parti indicata come una tra le formazioni più solide d’Europa.

“Servirà la prestazione perfetta, e al tempo stesso rendere meno brillante la prestazione dei nostri avversari. Ma sicuramente il risultato passerà attraverso la prestazione – ha sottolineato il tecnico rossoblù dal Business Centre dell’aeroporto di Elmas -. I nostri tifosi ci credono e ci hanno stimolato in questi giorni. Noi dovremo trasferire questa sfacciataggine in campo. In questi casi serve coraggio, diversamente diventa difficile”.



Maran evidenzia ancora l’importanza della prestazione: “Servirà lo spirito di sacrificio, correre con intelligenza, e quando avremo palla dovremo cercare di mettere in difficoltà la Juve. Occorrerà saper interpretare i momenti della gara: dovremo soffrire ma anche far soffrire con fiducia nei nostri mezzi”.

Lo spauracchio, manco a dirlo, ha l’accento portoghese e il numero 7 sulle spalle: “I numeri dimostrano che non è difficile limitarlo, occorre un attento lavoro di squadra. E non solo nel caso di Ronaldo”.

 



Altre notizie relative

Maran: “Cagliari azzurro? Meriti in primis a Giulini” Il tecnico vota Allegri per la Panchina d'Oro: Giusto premiare chi vince
Spal-Cagliari, l’analisi tattica fotografica FOTO - Schemi, errori, virtù del Cagliari visto a Ferrara nella nostra analisi
Giulini stavolta ha fatto le cose per bene IL COMMENTO | Il Cagliari si riposa, pensa al Torino e culla le sue certezze

...e tu cosa ne pensi?

300