15-09-2018 Basket, Amichevoli, 2018-19, Cagliari, PalaPirastu. Foto Gianluca Zuddas/Agenzia Fotocronache.it. Nella foto: Stefano Sardara

Ospite nella sede de La Nuova Sardegna per una tavola rotonda a cui hanno partecipato anche il presidente del Cagliari, Tommaso Giulini, e quello dell’Olbia, Alessandro Marino, il patron della Dinamo Sassari Stefano Sardara ha commentato così all’indomani della sconfitta con la Vanoli Cremona: “Dispiace per la sconfitta di ieri, avevamo iniziato molto bene e avremmo potuto cambiare l’inerzia di una stagione in cui Milano sta giocando un altro sport. Complimenti a Meo e a Cremona, per noi è il momento di andare avanti, pensiamo già alla coppa col Leicester e a Venezia”.



Sul rapporto con Cagliari: “Non c’è un rapporto conflittuale tra le due città sul basket. Il problema sta nel fatto che a Sassari abbiamo iniziato prima con un settore giovanile, e abbiamo pensato di costruire la nostra academy a Cagliari, in una piazza che ci ha sempre accolto benissimo. È stata vissuta come se fosse una filiale, non come una squadra che può crescere autonomamente, e che lo diventerà sempre più se passerà in Lega il progetto Next Generation (una sorta di primavera del calcio ndr) che ci costringerà a riprendere i nostri giovani. L’Academy ci aiuta a costruire i giocatori in casa, soprattutto gli italiani, che sono come i panda ovvero molto rari e da preservare”.

“Cosa toglierei a Giulini? A Tommaso ruberei il coraggio e l’amore che ha per il suo progetto. Il suo è un impegno quotidiano su un progetto che ora sta spiccando il volo. In generale tutti noi stiamo cercando di trasformare le nostre società sportive in azienda e questo significa creare una mentalità, non creare reddito. Abbiano un progetto condiviso col Cagliari che sta nascendo, il campanilismo aziendale non esiste”.

Sull’importanza delle coppe europee: “Senza le coppe non si cresce, al di là della loro importanza. Abbiamo un modello professionale che seguiamo da tempo e per noi è importante anche per le comunità dei sardi disseminate all’estero ma anche in Italia”.

In chiusura un appello ai tifosi: “Sanno che lavoriamo ogni giorno, abbiamo conosciuto in passato le vittorie e vorremo riassaporarle. Lo staff sta lavorando bene, ma ogni tanto i passi falsi ci sono. Milano fa un altro sport, ma anche l’anno del nostro scudetto e in quello di Venezia lo faceva. Il basket a volte riserva sorprese. L’obiettivo rimane quello di riprovare certe gioie insieme ai tifosi”.


Altre notizie relative

Dinamo, buona la prima | LE PAGELLE FIBA Europe Cup - Sassari vince gara 1 per 84-78 contro il Donar di Groningen
“Serviranno intelligenza ed energia” Così il coach Dinamo prima della gara di FIBA Europe Cup
Fallimento Ebeling, lascia le Dinamo Il giovane lungo risolve consensualmente il suo rapporto

...e tu cosa ne pensi?

300