Tommaso Giulini

Ospite nella sede de La Nuova Sardegna per una tavola rotonda a cui ha partecipato anche il presidente della Dinamo Sassari Stefano Sardara e quello dell’Olbia Alessandro Marino, il patron del Cagliari Tommaso Giulini ha toccato vari punti del mondo rossoblù.

Il presidente del Cagliari esordisce commentando la gara con la Juventus:“Ci sono stati tre errori individuali sui tre gol in una gara che avremmo potuto anche pareggiare; purtroppo i commenti positivi servono tanto quanto, sarebbero più utili i punti ovviamente. Anche a Milano contro l’Inter avremmo potuto raccogliere di più”.



Sul rapporto con le altre città sarde e il futuro dello sport isolano:”Con Sassari c’è una certa rivalità è risaputo, ma fra Cagliari e Olbia non c’è; siamo riusciti con Alessandro a mettere in piedi una bella iniziativa. Mi piacerebbe vedere ancora più sport all’interno delle città e dare valore al movimento isolano. Siamo qui da 4 anni e abbiamo costruito 35 academy, qualcosa stiamo facendo per sopperire al vuoto dopo le grandi società. Sono molto orgoglioso della nostra Under 15 nazionale che ieri ha giocato una bella partita con l’Inter. Noi ci stiamo provando e il movimento sardo sta vivendo un buon momento con Murru, Sirigu e Barella”.

Sui tifosi:“La nostra è una tifoseria importante, nono posto in Italia, che aiuta i giocatori a sceglierci, così come la nostra reputazione di società seria” .

Ai tre presidenti è stato chiesto cosa si ruberebbero l’uno con l’altro:“A Stefano invidio la mentalità vincente che ha infondato alla Dinamo, speriamo di farlo anche noi con Maran in futuro” .

Sui giocatori italiani: “Con Romagna, Barella e Cragno abbiamo dimostrato un grande coraggio e ci stanno ripagando. Raramente in campo ci sono meno italiani in campo tra gli avversari che nel Cagliari. Per noi è una soddisfazione vedere Barella titolare e Cragno convocato in nazionale e penso che anche Leonardo Pavoletti se avesse segnato allo Stadium sarebbe stato convocato senza dubbio: speriamo che lo possa essere lo stesso”.

La nostra è una bella responsabilità a gestire il Cagliari-prosegue Giulini-, che rimane una società dei tifosi e al territorio. Questa è la nostra mission principale oltre ovviamente a fare punti.”

Non manca la domanda sul giocate del momento, Nicolò Barella:” È un tam tam che va avanti da settimane. È un discorso prematuro, il campionato finisce a giugno e ce lo vogliamo godere. Abbiamo la fortuna di avere giocatori come Pavoletti e Srna, voglio approfittare per dire a tutti i nostri giocatori della prestazione del Torino. Non abbiamo fatto ancora nulla, siamo quattordicesimi e ci aspettano tre gare importanti con Spal, Torino e Frosinone. Dobbiamo affrontare queste gare con umiltà, sono convinto che possiamo puntare anche più in alto:quest’anno finalmente il gioco c’è grazie all’allenatore e proveremo ad alzare l’asticella”.



Sui diritti TV: Già con la riforma Lotti si è fatto un passo avanti, con la bozza Giorgetti potrebbe esserci anche un premio per i giocatori italiani che scendono in campo. Dovrebbe esserci anche un cambio per quanto riguarda le volte in cui lo stadio si riempie e non riferirsi solo al numero degli spettatori: in questo modo squadre come noi e la Spal saremmo favorite in quanto il nostro stadio è sempre pieno anche con le piccole”.

Giulini rivela poi uno dei suoi desideri: “Sarebbe un sogno avere l’Olbia in Serie B: al di là della grande gratificazione, sarebbe ottimo avere giocatori nostri attualmente in prestito in B come i vari Han, Colombatto e Capello vederli crescere in Sardegna. Credo che uno spazio all’interno della serie cadetta ci sia, vi sono realtà in Serie A più piccole che ci stanno da tanto”.

In chiusura un appello per i tifosi: “Sarà un campionato importante, ci sono tutte le premesse. Fuori dal campo, mi sento di promettere che lo stadio nuovo ci sarà. Non so in quale stagione lo inaugureremo, ma da lì in poi magari qualche ambizione in più ci sarà”.



 

Altre notizie relative

Maran: “Cagliari azzurro? Meriti in primis a Giulini” Il tecnico vota Allegri per la Panchina d'Oro: Giusto premiare chi vince
Spal-Cagliari, l’analisi tattica fotografica FOTO - Schemi, errori, virtù del Cagliari visto a Ferrara nella nostra analisi
Giulini stavolta ha fatto le cose per bene IL COMMENTO | Il Cagliari si riposa, pensa al Torino e culla le sue certezze

...e tu cosa ne pensi?

300