Michele Filippi (foto Emanuele Perrone)

È un Michele Filippi inevitabilmente rammaricato quello che commenta la sconfitta dell’Olbia nel derby contro l’Arzachena.

“Abbiamo sbagliato l’approccio alla partita e me ne assumo le responsabilità. Abbiamo giocato a fiammate, diversamente da quanto fatto nelle ultime settimane”.

 



“In generale, analizzando gli episodi, poteva starci il pareggio, ma non mi interessa – prosegue il tecnico dei bianchi nella sua analisi del match -. La prestazione nel complesso non mi è piaciuta, le occasioni non sono arrivate per come avevamo lavorato. Abbiamo disperso energie con cose che non c’entravano nulla con quanto preparato”.

“Non mi è piaciuto l’approccio del primo tempo, mentre nel secondo tempo abbiamo provato a giocare ma in maniera approssimativa e superficiale. Nel bilancio finale della gara avremmo meritato il pareggio, ma le mie aspettative erano ben altre. Non voglio attaccare la squadra, che lavora e lavora bene. Ma proprio perché lavora, poi deve comportarsi diversamente. Non abbiamo giocato da Olbia: siamo scesi in campo con sufficienza, convinti che potesse bastare. Voglio prendermi completamente le responsabilità, non sono stato in grado di trasmettere alla squadra quello che volevo”.



Altre notizie relative

Marino: “Sarà un’Olbia camaleontica” Le parole del presidente dell'Olbia su nuovo tecnico e il campionato di Serie C
Scossa mister, ora tocca ai giocatori L'analisi sulla crisi dei bianchi con le varie responsabilità
Olbia, Carboni è il nuovo allenatore L'Olbia ha individuato l'erede di Michele Filippi

...e tu cosa ne pensi?

300