Rolando Maran (FOTO: Zuddas Fotocronache)

Il momento è buono, ma Rolando Maran non vuole cali di tensione dai suoi uomini. Con questo spirito il Cagliari si approccia alla trasferta del “Paolo Mazza”, casa della Spal.

“Il momento che vive la Spal non rispecchia il suo valore – ha anticipato il tecnico rossoblù presentando la sfida contro i ferraresi -. Per noi non deve cambiare niente rispetto a una settimana fa. La Spal vorrà fare la partita, ha le carte in regola per farlo, ma il Cagliari deve fare il Cagliari”.




Una sfida dal valore assoluto: “La gara con la Spal rappresenta un esame per verificare i nostri progressi. Pertanto è una gara il cui valore è superiore a quello delle altre”.

Come da tradizione, Maran non si sbottona in ottica formazione: “Mi piace decidere all’ultimo, anche per stimolare ulteriormente i miei uomini. Voglio fare alcune riflessioni, stavolta anche di più”.

È possibile, però, più di una riflessione sullo stato di forma dei singoli: “Bradaric, contro la Juve, stava giocando bene fino al momento. Dopo ha perso le distanze ma non voglio si pensi che sia stato sostituito per l’autogol”. In riferimento alle vicende extra-calcistiche che hanno interessato Marco Sau, Maran è netto: “Parliamo di un professionista e di una persona seria. Per lui parla il campo, la sfera privata deve rimanere privata”.


Altre notizie relative

Maran: “Cagliari azzurro? Meriti in primis a Giulini” Il tecnico vota Allegri per la Panchina d'Oro: Giusto premiare chi vince
Spal-Cagliari, l’analisi tattica fotografica FOTO - Schemi, errori, virtù del Cagliari visto a Ferrara nella nostra analisi
Giulini stavolta ha fatto le cose per bene IL COMMENTO | Il Cagliari si riposa, pensa al Torino e culla le sue certezze

...e tu cosa ne pensi?

300