Filipski, polacco del GSD Porto Torres

Il GSD Porto Torres fa due su due nel massimo campionato di basket in carrozzina. La squadra allenata da Lamine Sane si è imposta a Bergamo per 74-76. Seconda sconfitta per la Dinamo Lab che cede al Pala Serradimigni agli Amicacci Giulianova per 34-85.



Bergamo-Porto Torres (Ufficio Stampa):  Seconda vittoria consecutiva per il GSD Key Estate Porto Torres nella Serie A di basket in carrozzina. La squadra allenata da coach Lamine Sene ha espugnato il campo della Special Bergamo Sport Montello, imponendosi con il punteggio finale di 76-74, dopo la disputa di un tempo supplementare, nella seconda giornata di andata del massimo campionato Fipic. Un canestro di Mosler, quasi a fil di sirena, ha mantenuto imbattuta la compagine turritana.

Buon avvio per il GSD che, con Puggioni e Filipski, si porta subito sul 4-0. Bergamo risponde con Gabranovs, ma i turritani accelerano e, con un parziale di 7-0, si portano sull’11-3. I padroni di casa si riavvicinano, ma Filipski e Mosler sono implacabili. Il primo quarto termina con gli ospiti avanti 20-12.

Nel secondo Gabranovs apre le danze con una tripla, ma Mosler risponde immediatamente con un gioco da tre punti. Le due squadre si rispondono colpo su colpo per qualche minuto, poi la Key Estate piazza un break di 9-0, ancora con la coppia polacca Mosler-Filipski, che vale il massimo vantaggio, 37-23, quando mancano 4’57” all’intervallo. Si va poi negli spogliatoi sul 41-30 per i biancoblù turritani.

Grande reazione della SBS in avvio di terza frazione. La squadra di coach Pizzi rosicchia punti su punti al GSD, fino a fargli sentire il fiato sul collo (45-47, a 4’30” dalla terza sirena) ed a costringere la panchina biancoblù a chiamare timeout. Al rientro in campo Bandura ridà un po’ di fiato alla Key Estate, poi però Bergamo trova il pareggio sul 49-49, a 2’11” dalla fine del periodo. Tutto da rifare per il GSD. Ancora Bandura e Filipski riportano avanti i sardi e chiude, poi, il quarto un canestro di Gabas. Gli ultimi 10’ dei tempi regolamentari iniziano sul 53-51 portotorrese.

Il GSD parte bene e riprende quota. Con Mosler, Bandura e Filipski, la Key Estate torna sul +9 in un paio di occasioni, ma Bergamo non molla. I lombardi si avvicinano, sempre di più, trascinati prima da Gabas, poi da Airoldi e Diouf che siglano il pareggio, sul 66-66, ad una manciata di secondi dal 40’. Nuovo giro, nuova corsa con l’overtime.

Supplementare poco adatto ai deboli di cuore, con le squadre sempre vicinissime. Bergamo mette per la prima volta il naso avanti sul 73-72, a circa 1’ dalla fine, ma il GSD vuole vincere. Bandura ridà il vantaggio ai biancoblù ospiti, ma Milesi insacca il libero del pareggio. Il suono della sirena è imminente e Mosler trova il canestro della vittoria.

I TABELLINI

SPECIAL BERGAMO SPORT MONTELLO – GSD KEY ESTATE PORTO TORRES 74-76 DTS. (12-20, 18-21, 21-12, 15-13, 8-10)

SPECIAL BERGAMO SPORT MONTELLO (29/55, 3/6, 7/12 T.L.) – Airoldi 11 (4/6, 1/2), Gabranovs 14 (4/10, 2/3), Diouf 3 (1/3, 0/1, 1/1 t.l.), Carrara 2 (1/5), Gabas 34 (15/25, 4/7 t.l.), Milesi 1 (1/2 t.l.), Canfora n.e., Bombardieri 7 (3/4, 1/2 t.l.), Spicsuk (0/1 da 2), Filisetti 2 (1/1), Filippi n.e. All. Pizzi

GSD KEY ESTATE PORTO TORRES (28/54, 3/6, 11/21 T.L.) – Jimenez Gonzalez 2 (1/2, 0/1 t.l.), Bandura 18 (7/17, 4/6 t.l.), Puggioni 2 (1/2), Mosler 27 (11/16, 5/12 t.l.), Filipski 27 (8/12, 3/4, 2/2 t.l.), Falchi (0/2 da 2), Canu n.e., Sargent. All. Sene

Dinamo-Giulianova (Ufficio Stampa): La Dinamo Lab cede al debutto casalingo contro gli Amicacci Giulianova: gli uomini di coach Fabio Raimondi pagano un avvio morbido e la lunghissima panchina abruzzese. Gli ospiti partono subito forte mettendo a segno un break di 12 lunghezze: i sassaresi inseguono dal primo minuto di gioco e non riescono ad arginare il gap. Al PalaSerradimigni la prima della Dinamo Lab si chiude 34-85, ma c’è il positivo debutto dell’ultimo arrivato Mantas Tamasauskas e un centinaio di piccoli tifosi arrivati a sostenere con striscioni e cori la Dinamo Lab.

Coach Fabio Raimondi manda in campo Raimondi, Spanu, Arghittu, Arena e Butkevicius, Amicacci manda in campo Brown, Marchionni, Macek, Miceli e Perez. Gli ospiti partono forte piazzando il break di 12-0, i padroni di casa si sbloccano con Arena e la bomba del coach-allenatore Raimondi. Gli abruzzesi però dilagano e dopo 10’ conducono 25-8. Nella seconda frazione la Dinamo Lab trova maggiore fluidità e la coppia Raimondi-Arena conduce l’offensiva biancoblu. Debutto in maglia Dinamo per l’ultimo arrivato in casa Dinamo Lab Mantas Tamasauskas. Gli Amicacci continuano però la loro corsa e il primo tempo si chiude 21-39. Un terzo quarto da 4-24 per gli ospiti permette la fuga definitiva di Giulianova (25-63). L’ultima frazione non ha niente da raccontare in termini di emozione: al PalaSerradimigni finisce 34-85.

Dinamo Lab 34 – Amicacci Giulianova 85
Parziali: 8-25; 19-14; 4-24; 9-22.
Progressivi: 8-25; 21-39; 25-63; 34-85.
Dinamo Lab. Raimondi 14, Spanu 3, Arghittu 4, Arena 7, Butkevicius 8, Langiu, Gaias, Tamausaskas.
Amicacci Giulianova. Macek 6, Brown 4, Marchionni 33, Minella, Ion, Brandimarte, Ghariboo 10, Miceli 8, Labedzki 10, Kozaryna 2, Mena 12.

Altre notizie relative

Colpi di Porto Torres e Dinamo LAB Prima gioia stagionale per i sassaresi
GSD Porto Torres in trasferta a Roma Turritani sul campo del Santa Lucia per la quinta giornata
Al Porto Torres il derby con la Dinamo LAB Gli uomini di Sene sbancano il PalaSerradimigni

...e tu cosa ne pensi?

300