Gabriele Bellodi (foto Emanuele Perrone)

Una buona Olbia cede 3-1 a Chiavari. La Virtus Entella fa sei su sei e condanni i Bianchi alla prima sconfitta dell’era Carboni. Ecco i nostri giudizi sulla gara dei galluresi:

CLICCA QUI – Cronaca e tabellino della gara 



Marson 6: incolpevole nei tre gol subiti, il portiere friulano non è stato poi impensierito particolarmente in altre occasioni.

Pinna 6: compie un miracolo su un errore in disimpegno di Bellodi e propizia con un bel cross il momentaneo pareggio di Ogunseye: l’Entella sfrutta molto la sua fascia di competenza, ma il terzino oristanese regge bene l’urto

Bellodi 6: appena tornato dalla convocazione in Under 19, il centrale mantovano si fa trovare impreparato solo in un disimpegno con gli avversari che non sono mai  realmente pericolosi dentro l’area di rigore.

Iotti 5,5: Prestazione in linea con quella del compagno di reparto Bellodi: sul voto pesa il fallo da rigore su Caturano che ha indotto al fischio l’arbitro Lorenzin.

Cotali 6,5: si propone con continuità in avanti fornendo l’assist per il 3-2 che ha fatto sperare nel finale la squadra olbiese. Sembra aver superato le insicurezze di inizio stagione

Vallocchia 5: il centrocampista ex Sambenedettese non incappa nella sua migliore giornata mostrandosi poco preciso. Un solo squillo col tiro nel primo tempo che si spegne a lato: da lui ci si aspetta molto di più (dal 65′ Tetteh 5,5: sua la disattenzione, insieme a Muroni, sul terzo gol ligure. Il centrocampista ex Primavera del Cagliari, prova a rifarsi con un tiro che termina di poco alto)

Muroni 5: pochi lampi da parte dell’oristanese che commette l’errore (con la partecipazione di Tetteh) nel terzo gol degli avversari (dal 75′ Biancu 5,5: un giallo evitabile e poco altro nel quarto d’ora concessogli da Carboni)



Pennington 6: dei tre titolari a centrocampo è quello che lotta di più, fornendo dinamismo in mediana (dal 65′ Piredda 6: entra bene in campo e per poco il portiere ospite Massolo non gli regala la gioia del gol. Il suo rientro dopo il lungo infortunio non può che essere una splendida notizia per i Bianchi).

Ogunseye 7: il lavoro di sacrificio e le tante sportellate sono state ripagate da una doppietta da attaccante vero. Gioca gli interi 90′ senza pause ed è un punto di riferimento per l’attacco olbiese.

Ragatzu 6:  schierato esterno nel tridente, è meno brillante rispetto ad altre occasioni ma tanti palloni passano dai suoi piedi.

Ceter 5,5: grande sacrificio in fase di ripiegamento e pericoloso con le sue progressioni nel primo tempo, poi nella ripresa si spegne.

All. Carboni 6,5: siede sulla panchina olbiese da appena una settimana, ma ha già proposto varie soluzioni tattiche interessanti. Il 4-3-3 visto a Chiavari (4-4-2 in fase di non possesso), con un po’ più di fortuna e maggiore attenzione, avrebbe potuto fermare una squadra che finora ha fatto filotto di vittorie.

Matteo Porcu

Altre notizie relative

Marino: “Tutti sotto esame” Il presidente dell'Olbia in un momento complicato dei bianchi
Carboni: “Voltiamo pagina” Le parole di Carboni e Calamai nell'Olbia battuta dalla Juventus al Nespoli
Calamai ci prova, male Vallocchia | LE PAGELLE I nostri voti e giudizi sul match tra Olbia e Juventus U23 (0-1)

...e tu cosa ne pensi?

300