Artur Ionita

Intervistato dal Corriere dello Sport, Artur Ionita ha fatto il punto sulla situazione in casa rossoblù partendo dall’ultima gara con la SPAL che lo ha visto andare in rete: “Era un gol che aspettavo da tanto, dopo una stagione difficile per tutti e poi c’era mio padre in tribuna. Il mio obiettivo è quello di crescere per aiutare la squadra, non sono riuscito ad avere la continuità dell’anno scorso per via di qualche problema fisico ma ora mi sento bene e mi auguro di segnare di più. Non mi accontento, ho sicuramente più fame di prima”. 



All’orizzonte la gara col Torino: “Sono forti, sarà una bella partita e dovremo fare di tutto per vincerla. Loro saranno cattivi e carichi , ma noi dovremo esserlo ancora di più soprattutto perché giochiamo in casa. Maran? Ogni allenatore mi ha dato qualcosa, lui ha un modo diverso di parlare con la squadra e ci ha dato la spinta in più che ci serve. Riesce benissimo a unire il gruppo e punta tutto sul sacrificio e sul lavoro fatto in settimana. Penso che il trequartista non sia il mio vero ruolo, ma sono disponibile a farlo e ritengo di essere stato utile fino al rientro di Joao”.

Ultima battuta sui compagni di squadra: “Pavoletti è in grande forma, spero che trovi continuità. Barella? Lo ammiro tantissimo per qualità e personalità: riesce a fare tutto con tranquillità e sono contentissimo per lui, un grande giocatore e un grande uomo. Penso che sia il miglior centrocampista del campionato e da lui posso imparare qualcosa. Mi piace guardare come si muove in campo e mi motiva parecchio giocare contro di lui in allenamento. Gli voglio bene”.



Altre notizie relative

Lotta agli infortuni: la nuova sfida di Maran Col Napoli tante defezioni per infortuni e squalifiche
Il Chelsea piomba su Barella Il Chelsea di Maurizio Sarri e Gianfranco Zola sarebbe disposto a mettere sul piatto 45 milioni di euro
Cagliari, stangata dal Giudice Sportivo! Le decisioni del Giudice Sportivo dopo Cagliari-Roma

...e tu cosa ne pensi?

300