Un timeout di Anile

Vittoria doveva essere e vittoria è stata. Ma che sofferenza per l’Hermaea Olbia, che batte Pinerolo al tie break dopo aver sudato freddo per la rimonta delle avversarie, capaci di risorgere nonostante il passivo di 2-0 nel conto set. Il successo del PalAltoGusto (secondo in campionato), frutto di una bella reazione emotiva nella quinta e decisiva frazione, regala due punti di grande importanza in ottica poule salvezza.



LA GARA – In avvio l’Hermaea gioca bene e si spinge fino al +4 grazie all’ace di Fiore. Tajè allunga con il primo tempo vincente (12-7), Pinerolo abbozza una reazione guidata da Kajalina, che però non dura. L’Hermaea controlla e arriva agevolmente sul 17-11 dopo un’invasione sanzionata alle avversarie. Le piemontesi si rifanno sotto (Grigolo per il 18-16), ma l’Hermaea ne ha di più: Fiore spiana la strada con il punto del 20-16, poi Maruotti guadagna la palla set. Al terzo tentativo le olbiesi la spuntano e si portano avanti nel conto.

Nella seconda frazione di gioco le padrone di casa prendono subito il largo con il muro vincente di Sara Tajè che vale il 10-4. Pinerolo si riavvicina sul -4 dopo un attacco out dell’Hermaea, e Anile interviene col timeout che riporta lucidità tra le sue giocatrici. Le biancoblù giocano ancora con grande sicurezza e spengono ogni tentativo di rimonta, chiudendo agevolmente sul 25-16 grazie agli angoli trovati da Nikolaeva, Fiore e Maruotti.

I meccanismi in casa gallurese si inceppano improvvisamente sul più bello. Dopo esser stata avanti anche nel terzo set (7-5 con la fast di Tajè), infatti, l’Hermaea si scollega dalla partita e subisce il ritorno delle piemontesi, che in un amen sorpassano e fanno il vuoto (16-10 con il muro out sull’attacco di Kajalina). Grigolo e Kajalina salgono in cattedra, mentre agli ace di Fiore non bastano a rimettere in carreggiata l’Hermaea. Pinerolo, allora, fa calare il sipario sul set sul 25-16 e accorcia nel conto.

Praticamente senza storia il quarto game: l’Hermaea è in pieno blackout e il sestetto di Moglio ha vita facilissima nell’imporsi dopo aver dominato in lungo e in largo in ogni aspetto del gioco. Il muro out sull’attacco di Grigolo fissa il punteggio sul 25-12 in favore dell’Union Volley e spedisce le squadre al tie break.

Spalle al muro, la squadra di Anile trova la lucidità necessaria a riprendersi e approccia bene la quinta frazione portandosi subito avanti sul 7-3 con un grande attacco sul lungolinea di Nikolaeva. Pinerolo non si arrende e rilancia, trascinata dall’opposto Kajalina. E’ proprio l’estone, infatti, a firmare il punto della parità a quota 9. Degortes e compagne si trovano ad affrontare un altro momento delicato dal punto di vista psicologico. Ma stavolta la reazione è immediata: prima il muro di Fiore, poi la diagonale di Nikolaeva consegnano all’Hermaea una vittoria di grande impatto per classifica e morale.

“Abbiamo giocato contro una squadra di un livello simile al nostro – commenta il presidente Gianni Sarti – nei primi due set abbiamo espresso un gioco straordinario, poi c’è stata il preventivabile ritorno di Pinerolo. Il 3-2 è un risultato da accogliere con soddisfazione. C’era il timore che la squadra non riuscisse a venir fuori dal momento di difficoltà. Questo è un campionato femminile, dove può succedere di tutto. Le ragazze sono state brave a trovare dentro di loro le risorse per chiudere la partita e trovare la vittoria”.

Ci teniamo stretto questo tie break – dice invece coach Anile – anche perché è stato un bel banco di prova dal punto di vista fisico. Nel primo set abbiamo giocato un’ottima pallavolo, poi Pinerolo, alla lunga, è stata brava a trovare le contromosse giuste per metterci in difficoltà. Non nascondo un pizzico di paura per il calo, ma nella fase finale del quarto set ho visto negli occhi delle ragazze una grande voglia di vincere”.

“Sono molto soddisfatta – ammette il libero Simona Degortes – abbiamo lavorato bene di squadra. Il blackout? E’ nel momento di difficoltà che si vede la squadra. Durante la settimana lavoriamo tantissimo, e pian piano i risultati si stanno vedendo. Siamo una squadra di carattere, che vuole lottare e fare il meglio possibile per questa maglia”.

VOLLEY HERMAEA OLBIA – EUROSPIN FORD SARA PINEROLO 3-2 (25-21 25-16 16-25 12-25 15-11) – VOLLEY HERMAEA OLBIA: Barazza 11, Fiore 20, Nikolaeva 12, Taje’ 10, Bacciottini 6, Maruotti 7, Degortes (L), Giometti, D’Elia. Non entrate: Mele, Padula, La Licata. All. Anile. EUROSPIN FORD SARA PINEROLO: Grigolo 14, Caserta 1, Kajalina 20, Serena 6, Bertone 5, Vingaretti 1, Fiori (L), Zanotto 5, Zamboni 5, Allasia, Buffo. Non entrate: Casalis, Nasi, Tosini. All. Moglio. ARBITRI: Salvati, Caretti. NOTE – Durata set: 25′, 25′, 22′, 18′ , 16′ ; Tot: 106′.

Altre notizie relative

Hermaea battuta a Orvieto Le olbiesi cedono alla terza forza del campionato
Hermaea, a Orvieto serve un’impresa Dopo Soverato c’è un’altra big sul cammino della squadra biancoblù: è la Zambelli terza in classifica
Hermaea, niente da fare contro Soverato Con Maruotti limitata da un problema alla schiena, le galluresi tengono testa alle calabresi per due set ma alla fine alzano bandiera bianca

...e tu cosa ne pensi?

300