Un momento della sfida tra Nuorese e Muravera (foto: Nuorese Calcio)

Dopo tredici giornate il campionato di Eccellenza regionale sembra ormai un affare tre le prime tre. Pronostici della vigilia rispettati, o quasi, visto che il Muravera era dato da tutti come l’indiscussa regina della categoria ed è incappata in qualche battuta d’arresto di troppo, trovandosi ora al terzo posto. La Nuorese di Fabio Fraschetti e il Sorso di Pierluigi Scotto erano accreditate per il ruolo di rivali dei sarrabesi, ma ad oggi sono le vere protagoniste. I barbaricini non hanno perso un colpo nelle ultime gare, vincendo anche lo scontro diretto con i gialloblu di Francesco Loi al “Frogheri” per 2-1. Il Sorso, addirittura, ha battuto entrambe, riscattando un avvio magro e complicato dai problemi economici (poi risolti), pagando dazio anche al campo de La Piramide non certo straordinario.



Al Sorso manca qualche risultato interno (vedi la sconfitta con l’Arbus e il pari con il Monastir), mentre la Nuorese non perde più un colpo e il Muravera balbetta. È un affare tra giocatori delle prime tre forze del campionato anche la classifica marcatori: il bomber dei sarrabesi Giuseppe Meloni e il verdeazzurro Tico Okonkwo sono al comando con 12 gol, ma a solo una lunghezza c’è Michele Pulina, autentico trascinatore del Sorso con gol a raffica e di pregevole fattura. Merito della freschezza di un giocatore di categoria superiore che continua a stupire da anni, ma anche dell’impalcatura tattica di una squadra con elementi forti e di prospettiva quali (tra gli altri) Elie, Delogu, Tedde, Ruggiu a centrocampo, il neo-rientrato Falchi in avanti, il duo Merenda-Chessa in difesa e rincalzi di lusso come Alteo e i Delrio. Insomma, il miglior impianto di gioco della categoria è logica conseguenza, in mano ad un tecnico con grande fame di riconquistarsi almeno quella D assaggiata con tanta sfortuna a Olbia e Latte Dolce.

Per la Nuorese i gol arrivano anche dal greco Grigoriadis e da Samuele Rosano, riscopertosi goleador dopo il campionato non brillantissimo di Serie D dello scorso anno. Nel Muravera non sono una sorpresa Nieddu e Nurchi con 6 gol, in un organico sulla carta illegale. Resta da vedere se il Muravera tornerà su alla distanza, magari approfittando di un calo delle rivali, o se per la corazzata di Loi l’apnea continuerà. Di certo, ora non può più sbagliare nulla.

La prima giornata del mese di dicembre (la quattordicesima) – mese di rush finale per il girone d’andata ma anche per il calciomercato che vedrà come sempre cambiamenti più o meno massicci – prevede la Nuorese impegnata al Santa Sofia di Arbus: i granata, reduci dal successo col Porto Rotondo e ancora in corsa playoff, renderanno la vita difficile ai barbaricini con l’obiettivo di cancellare una sconfitta interna (quella di due turni fa col Taloro) che non avveniva da oltre un anno e mezzo. Impegni sulla carta più facili per Sorso e Muravera, con i primi che faranno visita allo Stintino e i gialloblù in casa contro il Porto Rotondo.



Altre notizie relative

San Teodoro, via Pittalis ecco Perra Sostituisce Pittalis alla guida dei Viola
Eccellenza: la Nuorese rallenta, sorridono Sorso e Muravera I biancoazzurri appaiano in testa i barbaricini
Coppa Italia, quarti di ritorno senza sorprese larghe vittorie di Nuorese e Muravera

...e tu cosa ne pensi?

300