Alberto Cerri, classe ’96, seconda avventura al Cagliari

Il Cagliari supera il Chievo a Verona con i gol di Cerri e Pisacane, regalandosi gli ottavi di finale contro l’Atalanta (il 10 dicembre sorteggio per chi giocherà in casa la gara secca). L’avvicinamento alla sfida di sabato contro la Roma (ore 18 alla Sardegna Arena) non poteva essere più dolce per Maran e i suoi ragazzi.

Chievo Verona-Cagliari 1-2

Chievo (4-3-1-2): Semper; Tanasijevic (dal 55′ Depaoli), Cesar, Rossettini, Cacciatore; Leris, Rigoni (dal 54′ Burruchaga), Giaccherini; Kiyine; Djordjevic (dal 72′ Grubac), Stepinski. All. Di Carlo

Cagliari (4-3-1-2): Rafael; Pisacane, Romagna, Andreolli, Pajac (dal 78’ Padoin); Cigarini, Faragò, Dessena; Barella; Farias (dal 66’ Joao Pedro), Cerri. All. Maran

Arbitro: Nasca di Bari

Reti: 8′ Cerri, 18′ Léris (Ch), 68′ Pisacane.

Ammoniti: Rigoni (Ch), Farias, Cesar (Ch), Romagna, Rossettini (Ch).

Le pagelle

RAFAEL 6,5 – Bella la parata al 37’ sul mancino volante di Djordjevic, per il resto incolpevole sul gol del pareggio gialloblù. Blinda il successo al minuto 83 con un bel riflesso sul colpo di testa ravvicinato di Depaoli. 

PISACANE 7 – Schierato nuovamente terzino come ai suoi esordi in rossoblù, il terzino napoletano è vigile sulla sua fascia senza strafare, tiene bene Giaccherini vincendo la sfida diretta tra brevilinei. Il suo colpo di testa al 67’ vale il raddoppio rossoblù, meritato premio per il suo impegno. Fischiatissimo dal Bentegodi, esce dopo un’ottima gara (dall’86’ SRNA sv– Giusto qualche minuto per aggiungere all’enciclopedia anche l’esordio in Coppa Italia).

ROMAGNA 6,5 – Grazie al suo vistosissimo turbante non può passare inosservato, ma la sua cura nei confronti di Stepinski è efficace. Rischia tantissimo al 56’ quando scivola, da ultimo uomo, sul contropiede di Djordjevic (che spreca).



ANDREOLLI 6,5 – Non riesce a chiudere sul tiro di Léris, per il resto è solido in difesa e, elemento che non guasta, una spina nel fianco della difesa clivense sui calci piazzati. 

PAJAC 6 – All’esordio assoluto in questa stagione, il croato inizia con un po’ di timore (emozione?). Non perfetta la lettura difensiva in occasione dell’1-1 di Léris, si rifà con una costante pressione offensiva, retaggio della sua precedente “vita” da trequartista. Sfiora il gol su punizione al 44’, ma Semper gli nega la gioia della prima rete in rossoblù. Da rivedere, ma l’inizio è promettente (dal 78′ PADOIN sv – Entra per dare fiato al terzino croato, si sistema sulla fascia sinistra nella difesa del risultato).

CIGARINI 6 – Il regista emiliano torna titolare in regia e col suo solito ritmo compassato, nel complesso, tiene bene le redini della manovra. Pericoloso su punizione a inizio ripresa, ma Semper dice di no anche a lui. 

FARAGÒ 7 – Doppio assist per il calabrese: prima per l’1-0 di Cerri, poi la spizzata per il raddoppio di Pisacane. Due mattoni pesanti su una prestazione solida e volenterosa: il calabrese, ancora una volta nel suo originario ruolo di mezzala, dimostra di essere più di una riserva in questo Cagliari. Al momento parte in vantaggio nel ballottaggio con Dessena per sostituire Barella contro la Roma.  

DESSENA 6,5 – Corsa, impegno e determinazione: il capitano risponde “presente” alla chiamata di Maran, risultando pericoloso come sempre in area avversaria, con un gol giustamente annullato da Nasca per fuorigioco e con uno sfiorato di testa poco dopo l’ora di gioco. Come Faragò si candida con prepotenza a sostituire Barella nell’anticipo di sabato contro la Roma. 



BARELLA 6 – Schierato trequartista alla luce della squalifica in campionato, il numero 18 gioca la sua consueta partita: corsa, palloni recuperati, dribbling, falli fatti e subiti. Non riesce ancora a essere decisivo sotto porta, ma ormai basta la sua presenza per intimorire gli avversari. 

FARIAS 6 – Ammonito dopo un fallaccio, perde un pallone sanguinoso al 38’ al limite della propria area e, per sua fortuna, Kiyine grazia i rossoblù. Un coast-to-coast con parata decisiva di Semper, poi lo stesso portiere croato gli impedisce di segnare il secondo gol in una settimana. Insomma, il solito Farias (dal 66’ JOAO PEDRO 6 – Appena entrato batte il corner che Faragò spizza per l’1-2 di Pisacane, utile a far passare gli ultimi venti minuti tenendo spesso la palla lontana dall’area rossoblù). 

CERRI 6,5 – Sarà l’aria della Coppa Italia, sarà la consapevolezza di avere una chance da non fallire. Il bisonte scuola Parma si sblocca con un bel gol contro una delle difese più disastrate della Serie A, prendendo coraggio e tenendo su i suoi. Sfiora più volte la doppietta, ma Semper gli dice sempre no. Maran e i tifosi rossoblù si augurano che sia solo il primo centro di una lunga serie.  

MARAN 7 – Contro il “suo” Chievo attinge dalla panchina e gli va bene: Cerri e Pisacane gli regalano un successo dolce per andare avanti nella competizione e, soprattutto, una piccola rivincita verso la proprietà gialloblù. Un ottimo viatico per la gara di sabato contro la Roma. Ah, una piccola sottolineatura: tra Chievo e Cagliari, ultimamente, vince sempre lui.

Chievo (4-3-1-2): Semper 7,5; Tanasijevic 5,5 (dal 55′ Depaoli 6), Cesar 5,5, Rossettini 5,5, Cacciatore 5; Leris 6,5, Rigoni 5 (dal 54′ Burruchaga 5), Giaccherini 5,5; Kiyine 6; Djordjevic 5,5 (dal 72′ Grubac 6), Stepinski 5. All. Di Carlo 5,5

Francesco Aresu



Altre notizie relative

Lotta agli infortuni: la nuova sfida di Maran Col Napoli tante defezioni per infortuni e squalifiche
Giulini: “Barella via subito? No! Fiducia sullo stadio” Il patron rossoblù a 360° sull'universo Cagliari
De Laurentiis: “Cagliari, bella squadra” Il presidente del Napoli verso la sfida in Sardegna (sabato alle 18)

...e tu cosa ne pensi?

300