Mercato invernale aperto fino al 14 dicembre, Latte Dolce che già tanto ha fatto in estate e quindi si gode l’ottimo momento della squadra guidata da Stefano Udassi, e può così preparare la quartultima di andata nel girone G di Serie D in quel di Aprilia. Di fronte il Racing Club, partito con grandi favori ma un po’ indietro in classifica, inchiodato a 22 punti in compagnia di Latina e Albalonga.



Nell’antivigilia del match, parla il direttore generale Adriano Fantoni. «Ad Aprilia ci aspetta una partita importante da giocare su un campo difficile contro una squadra costruita per vincere, infarcita di elementi di valore alcuni dei quali di categoria superiore. Noi dal canto nostro, rispetto e umiltà alla mano, teniamo i piedi ben ancorati a terra ma chiaramente cercheremo di fare la nostra parte. Cercheremo come sempre di giocare a pallone come sappiamo fare e come abbiamo dimostrato di saper fare, sfruttando le nostre peculiarità e consapevoli che non ci sono risultati scontati e gare vinte o perse in partenza, con l’obiettivo di fare il meglio possibile e portare a casa la posta in palio. Questo è il nostro mood, quello che ci ha caratterizzato e ci caratterizza. I numeri fanno si che in tanti avversari ci aspettino al varco, decisi a sgambettarci, e questo è normale. Ed è normale che chi gioca a calcio punti a vincere su qualunque campo contro qualunque avversario, è l’essenza dello sport. Mai dare nulla per scontato, nel bene e nel male. Lavorare duro e allenarsi per bene, costruire un gruppo saldo e solido nelle basi e al suo interno, viaggiare con lo sguardo proiettato in avanti e vivere partita dopo partita, senza fare proclami o stilare bilancio di prospettiva a lunga gittata. L’obiettivo primario di questa società è raggiungere il prima possibile la salvezza matematica. Il mercato stravolgerà molte delle rose del girone, per cui al rientro dopo la sosta sarà tutto da verificare. Noi siamo e restiamo serenissimi, siamo sempre più consci di quelle che sono le nostre potenzialità, stiamo acquisendo sempre maggiore autostima e, come detto, consolidando il gruppo. Questo grazie anche al gran lavoro di mister Stefano Udassi: la società è con lui, assolutamente, in tutte le sue componenti. Questo è davvero un bel gruppo, forte e compatto. Abbiamo innestato alcuni tasselli importanti e mirati su un mosaico che già offriva delle preziose garanzie, il tecnico ha fatto il resto amalgamando al top la rosa e lavorando anche su spirito, motivazioni e mentalità. Procediamo così, senza cambiare approccio e propensione». La società biancoceleste ha intanto salutato Simone Ravot, che si è accasato al Bosa nel campionato di Eccellenza.



Altre notizie relative

Latte Dolce, delusione contro la Vis Artena Il racconto e il tabellino di Latte Dolce-Vis Artena 1-1
Serie D: segui la diretta del 17° turno Aggiornamenti dai campi della Serie D impegnata nell'infrasettimanale
Latte Dolce, preso Lai per la porta Nuovo rinforzo per la società sassarese

...e tu cosa ne pensi?

300