Sarritzu della Torres (foto Alessandro Sanna)

Sarritzu della Torres (foto Alessandro Sanna)

Situazione intricata nella lotta a cinque

La Torres insegue secondo o terzo posto, ma è dura. Atletico Uri padrone del suo destino, Sorso e Stintino di fronte alla penultima.

Si infiamma la corsa playoff nel campionato di Eccellenza, dopo aver celebrato la promozione del Castiadas con quattro giornate di anticipo. Dietro i sarrabesi, combattono Atletico Uri, Sorso, Stintino e Torres, che domenica 8 aprile (il 25 marzo c’è la sosta) ospita proprio i freschi campioni guidati dall’ex Sebastiano Pinna. Dietro il quartetto che lotta per il miglior piazzamento, c’è il Samassi, anche se la squadra di Paolo Busanca è molto lontana e le chance sono ridotte al lumicino.

Tre giornate alla fine della stagione regolare, alle quali ci si approccia con l’Atletico Uri secondo con 49 punti, il Sorso terzo con 48, lo Stintino quarto con 47 e la Torres quinta con 45. Il pareggio di domenica scorsa tra Atletico Uri e Torres ha lasciato tutto pressoché invariato, anche perché Stintino (bloccato sul pari a Tonara) e Sorso (battuto a Ghilarza) non ne hanno approfittato, in un 2018 che si è contrassegnato per la discontinuità di tutte quelle che inseguivano il Castiadas, bravo a non sbagliare nulla e fare il vuoto da Natale in avanti.



Dando uno sguardo al calendario, un circoletto rosso va messo su Sorso-Stintino della penultima giornata, ma attenzione anche al Castiadas che domenica va a Sassari con l’obiettivo di mantenere l’imbattibilità (unica squadra italiana che in Eccellenza non ha mai perso) e potrebbe quindi rallentare ancora i rossoblù di Pino Tortora. I quali, dopo un’ora di ottimo calcio e personalità a Usini, si sono fatti beffare dal classico braccino. Un successo in casa dell’Atletico Uri avrebbe dato una sterzata alla lotta playoff, con la Torres che avrebbe appaiato lo Stintino a -1 dalle altre due rivali. Il Samassi pagherà con ogni probabilità il pessimo girone d’andata, segnalandosi come delusione della stagione, visto il mercato estivo. Ma l’aritmetica dà ancora (poco) spazio per un miracolo.

L’Atletico Uri, squadra frizzante e di qualità che abbina gioventù ed esperienza, ha dalla sua il fatto di avere in mano il proprio destino. Con 9 punti non si deve preoccupare di cosa faranno le altre, ma andare a Gavoi (Taloro invischiato nella lotta per la salvezza diretta) è sempre molto ostico, mentre più abbordabili appaiono le sfide contro Valledoria (in casa) e Ferrini (a Cagliari).

Il Sorso fatica a decollare, e ogni qual volta ha sui piedi la possibilità di diventare grande si ferma. Stagione tribolata con molti infortuni, ma il KO di Ghilarza ha riportato alla luce gli antichi mali di una squadra che ora deve resettare tutto per giocarsi al meglio i playoff. Le montagne russe dovranno essere abbandonate dal Sorso, attesa dal doppio scontro interno contro Monastir (sfida da ex per mister Scotto) e Stintino. Chiusura a Valledoria. Obbligatorio vincerle tutte, non solo per arrivare secondi ma anche per non perdere ulteriori certezze agli spareggi.

Anche lo Stintino è calato nella seconda parte della stagione, ma resta una matricola che può dirsi soddisfatta, anche se quando si balla è giusto farlo fino in fondo e alcuni passi falsi non sono piaciuti in primis al tecnico, Stefano Udassi. Playoff ad un passo, bastano 3 punti in 3 partite, all’orizzonte ci sono le sfide interne contro Ghilarza e Monastir (l’ultima giornata), in mezzo lo scontro di Sorso.

La Torres ha rallentato nelle ultime due gare (2 punti), attende il Castiadas e poi chiuderà a Orroli (a un passo dalla retrocessione) e contro il Tonara (già salvo). Difficile arrivare al secondo o terzo posto, così da giocare in casa la semifinale, ha dalla sua una condizione fisica e mentale che stanno mostrando una squadra in palla, anche se non sempre concreta.

Il Samassi ha gli scontri diretti sfavorevoli contro Stintino e Torres, deve vincere tre partite ma gioca contro Guspini Terralba (in casa), Tonara (in trasferta, non è mai semplice), Castiadas (potrebbe ancora essere imbattuto). Insomma, per i Busanca’s boys il cammino è in irta salita, ma non avrebbero certo sciupato tutto nell’ultimo mese, bensì molto prima.

Tre giornate, 270′ nei quali sognare o abbandonare velleità, fare calcoli e aspettare i risultati altrui. Anche perché classifiche avulse e scontri diretti potrebbero essere decisivi.

Fabio Frongia



Altre notizie relative

Eccellenza: la Nuorese rallenta, sorridono Sorso e Muravera I biancoazzurri appaiano in testa i barbaricini
Eccellenza, l’Arbus ferma la Nuorese Sorso e Muravera accorciano in classifica
Eccellenza, chi sbuca dal trio delle meraviglie? Inizia dicembre, tempo di mercato: il punto sull'Eccellenza sarda

...e tu cosa ne pensi?

300