Gianmarco Pozzecco

Gianmarco Pozzecco

Gianmarco Pozzecco scalda i motori, Bologna (sponda Fortitudo) lo attende in maniera spasmodica. Parliamo, del resto, di un totem della palla a spicchi tricolore, il cui talento è stato solo parzialmente offuscato da una personalità strabordante. Intrigante e mai scontato, l’ex playmaker di Varese torna così in quella piazza che lo ha visto giocatore tra il 2002 e il 2005. E lo fa a modo suo: “La scelta Fortitudo è dettata dal cuore – ha rivelato in un’intervista concessa a La Gazzetta dello Sport – sono uno emozionale e a certi valori ci tengo ancora”.



Ma gli obiettivi dell’ex cestista friulano non si fermano sulla via Emila e coinvolgono la panchina della Dinamo Sassari, sempre più calda in queste settimane: “Vero, con la Effe ho allenato nelle piazze che più ho amatoma mi mancano ancora Udine e Khimki, un posto favoloso. E poi c’è Sassari del mio amico Stefano Sardara: si stava concretizzando qualcosa ma i tempi non sono ancora maturi. Prima o poi allenerò anche lì, tranquilli”.



Altre notizie relative

Esposito: “Partenza troppo tesa, ma vincere aiuta” Le parole del coach dopo la vittoria con Varese
Dinamo, prima gioia in campionato I sassaresi sconfiggono in casa Varese 71-60
Esposito: “Parodi arma in più” Le parole del coach alla vigilia della gara con Varese

...e tu cosa ne pensi?

300